rotate-mobile
Calcio

Nocerina e Cavese non si fanno male, 0-0 al "San Francesco". Polemiche per un gol annullato

Nocerina e Cavese si affrontano allo stadio San Francesco, il big match di giornata si chiude senza reti

Non si sblocca il derby in scena allo stadio San Francesco. Il big match della ventiseiesima giornata resta inchiodato sul risultato di 0-0: la Nocerina costruisce più occasioni, ma la Cavese si difende bene. I biancoblù riescono a mantenere invariata la distanza in classifica, ma il vantaggio sulla prima inseguitrice si riduce di una lunghezza: il Cassino supera i rossoneri e si porta in seconda piazza. Buon punto per la squadra di Raffaele Di Napoli, sempre più vicina all’obiettivo promozione. La truppa di Marco Nappi invece recrimina per un gol annullato nel finale di primo tempo. Il tecnico dei molossi sorprende con qualche scelta. Difesa confermata con Dorato che occupa il ruolo di terzino destro, a centrocampo ci sono invece Tuninetti e Maimone: soltanto panchina per Vecchione e Citarella. Rossi completa il reparto avanzato con Cardella e Guida. Nel 3-5-2 degli aquilotti c'è Buschiazzo, Megna vince il ballottaggio con Fraraccio. In attacco Chiariella supporta Foggia, Di Piazza non parte nell'undici titolare.

Cavese subito aggressiva in fase di riconquista del pallone, la Nocerina cerca di impostare con i suoi difensori. La prima conclusione verso lo specchio della porta è di Foggia al 5’: l'attaccante calcia da fuori area dopo un passaggio di Urso, la traiettoria si spegne alta sopra la traversa. Sul capovolgimento di fronte risponde la compagine di casa con Liurni che innesca Rossi, l’under non riesce a trovare il bersaglio, complice la copertura di Buschiazzo. Sugli sviluppi Liurni mette in difficoltà Boffelli con un traversone insidioso, la difesa allontana. L’azione si ribalta e Zenelaj ci prova dalla distanza, la sfera finisce a lato. I locali tentano di impensierire la retroguardia metelliana con una ripartenza di Rossi al 12’, l’esterno entra in area ma Magri in scivolata chiude. Al 16’ occasione per i rossoneri: Cardella riceve e allarga per Liurni che punta l’avversario e scarica un destro potente, Boffelli si rifugia in angolo. Passano due minuti e il numero 11 va giù dopo un contatto al limite dell'area, il direttore di gara assegna il piazzato ai ragazzi di Nappi, tra le proteste biancoblù. Sul punto di battuta si presenta proprio Liurni, la sua rasoiata trova una deviazione della barriera. Alla mezz’ora ghiotta chance per Mazzei dopo un corner, il capitano - indisturbato - spara sul fondo. Al 31’ altra opportunità per la Nocerina che muove la palla da sinistra a destra, Cardella riceve da Rossi e smista per Liurni, l’ex Casertana alza troppo la mira a due passi da Boffelli. Al 42’ Maimone svetta su una rimessa laterale dalla destra e costringe l’estremo difensore ad un grande intervento. Dall’angolo successivo, ancora Maimone stacca più in alto di tutti e colpisce il palo: Tuninetti si fa trovare pronto e realizza il tap-in, l’arbitro annulla per fuorigioco e scatta la polemica. Il primo tempo va in archivio con due minuti di recupero, le squadre rientrano negli spogliatoi sul risultato di 0-0.

Rientrano in campo i ventidue protagonisti, non ci sono sostituzioni all’intervallo. Al 46’ Pinna sbaglia il disimpegno, Foggia ci prova da metà campo ma svirgola completamente. Al 55’ Maimone va via centralmente e prova ad entrare in area, Boffelli evita guai ai suoi e in uscita blocca il pallone. Di Napoli si gioca la carta Sette, con Derosa che lascia il campo. Due giri di lancette dopo Liurni controlla in area e si coordina, la girata finisce alta. La brigata di Nappi resta in pressione, gli uomini in maglia biancoblù si difendono con ordine. Al 64’ seconda sostituzione per gli aquilotti, con la staffetta in attacco tra Chiarella e Faella. La Nocerina insiste e sfiora il gol al 66’ con una punizione di Cardella dai venticinque metri: il sinistro dell’attaccante scavalca la barriera, terminando però a centimetri dalla porta. Più complicato il tentativo di Liurni da posizione defilata. L’ala di Terni punta Magri e calcia da posizione defilata, nessun problema per Boffelli. Al 69’ primo cambio per la formazione locale: Guida fa rifiatare Maimone, con Rossi che scala in mediana. Al 73’ incursione di Sette che dialoga con Foggia, ma il classe ’04 sbaglia l’aggancio e la manovra sfuma. Ancora cambi per le due compagini: Di Piazza prende il posto di Foggia, Nappi si affida a Citarella e Vecchione a centrocampo. Proprio quest’ultimo ci prova con il destro, l’esecuzione è da dimenticare. È sempre Liurni l’uomo più attivo, il suo mancino si spegne fuori e la Cavese si salva all’80’. Pochi spazi per poter colpire, capitan Mazzei va a caccia della rete da distanza siderale, il destro è impreciso. All’87’ nuovo guizzo del neo entrato Vecchione, il suo tiro d’esterno sorvola la traversa. Nelle fasi conclusive dell’incontro i rossoneri aumentano il peso offensivo con l’ingresso di Gaetani, ma è Urso a spaventare i presenti con un piazzato largo. L’ultima emozione al San Francesco è una palla inattiva calciata da Pinna che non trova la deviazione di Gaetani. Nervosismo al termine dei cinque minuti di recupero, al triplice fischio il derby si conclude con il punteggio di 0-0.

Il tabellino

Nocerina (4-3-3): Fantoni; Dorato, Mazzei, Pinna, Esposito; Carotenuto (90’ Gaetani), Maimone (69’ Guida), Tuninetti (75’ Vecchione); Liurni, Cardella, Rossi (75’ Citarella). A disposizione: Venturini, Petti, Garofalo, Maccari, Fabbricatore. Allenatore: Marco Nappi

Cavese (3-5-2): Boffelli; Buschiazzo, Troest, Magri; Megna, Konate, Zenelaj, Urso, Derosa (56’ Sette); Chiarella (64’ Faella), Foggia (75’ Di Piazza). A disposizione: Lucano, Antonelli, Lops, Addessi, Fraraccio, Gueye. Allenatore: Raffaele Di Napoli

Arbitro: Michele Maccorin della sezione di Pordenone

Ammoniti: Derosa, Boffelli, Troest (C)

La vigilia del derby

Il tecnico dei molossi ha presentato così la sfida in conferenza: “Dico sempre che il derby è una partita che non appartiene ai giocatori, ma ai tifosi. Non c’è la squadra più forte o più debole, è una partita particolare che va giocata con la testa ma soprattutto col cuore e sono sicuro che i miei ragazzi daranno il 100%. Mi dispiace che non ci siano i tifosi della Cavese, noi avremo il sostegno dei nostri tifosi che non ce lo hanno fatto mai mancare. È importante l’approccio alla partita, è importante dare sempre il massimo dal primo minuto fino al centesimo. Poi il calcio è fatto di episodi. Cosa temo della Cavese? È una squadra molto fisica, ha un centrocampo importante, ha giocatori di categoria anche in attacco. Con la nostra idea di gioco, con il carattere e la grinta possiamo mettere in difficoltà una grande squadra e lo sta dimostrando nel suo cammino. La parola tranquillità domani non ci sarà, ma ci sarà soltanto una battaglia che va affrontata con intelligenza”.

Anche il trainer degli aquilotti è intervenuto in sala stampa alla vigilia dell’incontro: “Mi aspetto una gara che fa parte del nostro percorso, sicuramente ci sarà un contorno importante per via della rivalità, ma noi arriviamo bene. Sappiamo che per raggiungere l’obiettivo finale c’è da affrontare questa partita con le nostre armi. In queste sfida la classifica si azzera? No, assolutamente. I ragazzi hanno conquistato e meritato questi 11 punti di distacco. Ero convinto di arrivare a questa sfida con un vantaggio minore, i ragazzi mi hanno sbalordito. Questa è una partita che si prepara da sola, che affrontiamo con serenità e con la voglia di ottenere un grande risultato. Tifosi? Mi dispiace dell’assenza, la città di Cava non merita questo perché ho ritrovato tifosi di un livello superiore. Sicuramente il loro apporto mancherà e per questo dovremo raddoppiare le forze per regalare alla città una soddisfazione. Nocerina? È una buonissima squadra, costruita per vincere, ma loro hanno avuto delle battute d’arresto mentre noi siamo stati continui nei risultati”.

La Nocerina arriva al derby con l’emergenza under. Non ci saranno gli infortunati Picchi e Manzo, oltre agli squalificati Crasta e Gadaleta. Si va verso la conferma del 4-3-3 con Fantoni tra i pali e il giovanissimo Dorato a fare il suo debutto a destra. A completare la difesa invece saranno Mazzei, Pinna ed Esposito. Vecchione e Citarella si candidano ad una maglia dal primo minuto in mezzo al campo (Tuninetti e Rossi restano comunque in rampa di lancio), con Carotenuto a comporre lo scacchiere. In avanti ci sono Liurni e Guida accanto a Cardella. Difesa a tre e linea di cinque centrocampisti, con un tandem in zona offensiva: la Cavese non si allontana dal 3-5-2. C’è Buschiazzo dall’inizio assieme a Troest e Magri davanti a Boffelli, ballottaggio in corso tra Fraraccio e Megna sulla fascia destra, mentre Derosa dovrebbe trovare spazio sull’out opposto. In mezzo al campo Konate, Zenelaj e Urso sono inamovibili. Profilo under in attacco con Chiarella che dovrebbe affiancare Di Piazza, in vantaggio al momento su Foggia.

Nocerina (4-3-3): Fantoni; Dorato, Mazzei, Pinna, Esposito; Carotenuto, Vecchione, Citarella; Liurni, Cardella, Guida. Allenatore: Marco Nappi

Cavese (3-5-2): Boffelli; Buschiazzo, Troest, Magri; Fraraccio, Konate, Zenelaj, Urso, Derosa; Di Piazza, Chiarella. Allenatore: Raffaele Di Napoli

A dirigere la partita sarà Michele Maccorin della sezione di Pordenone, coadiuvato dagli assistenti Giuseppe Minutoli di Messina e Matteo Manni di Savona. Un solo precedente tra l’arbitro e il club biancoblù, in occasione della prima giornata dello scorso campionato. In quell’occasione gli aquilotti si imposero sull’Altamura con una rete di Lomasto. Primo incrocio tra il fischietto friulano Nocerina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nocerina e Cavese non si fanno male, 0-0 al "San Francesco". Polemiche per un gol annullato

SalernoToday è in caricamento