rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Calcio

Trasferta vietata ai tifosi del Catania

La corazzata catanese domenica farà visita al Santa Maria Cilento

Con grande stupore e profondo disappunto il Santa Maria Cilento ha appreso il provvedimento della Prefettura di Salerno che vieta la trasferta di Santa Maria di Castellabate ai tifosi del Catania per la partita di serie D, girone I, in programma domenica 18 dicembre alle 14.30 allo stadio Antonio Carrano. Viene vietata una vera e propria festa, con i tifosi etnei già pronti a raggiungere il Cilento per una giornata all’insegna dello sport e del divertimento. A tutela della immagine della società e della sua proprietà, è doveroso fornire una serie di precisazioni in merito al provvedimento emesso in data odierna, che doverosamente il club giallorosso rispetta ma non condivide, e che non appare sufficientemente motivato. La struttura sportiva è omologata per 1480 persone, con un settore denominato ospiti con 148 posti a sedere (nel rispetto della normativa che impone il 10% della capienza, almeno, a favore dei tifosi viaggianti) ed un prospiciente settore in piedi (che la normativa prevede per strutture fino a 2000 posti), con capienza di 980 posti, totalmente indipendente negli accessi e non collegato in alcun modo con il settore locali tradizionalmente posto nella tribuna coperta. Alla luce della ingente richiesta di tagliandi da Catania, in data 4 dicembre, la nostra società ha comunicato al Comune e alle forze dell’ordine competenti per territorio le intenzioni in ordine alla vendita dei tagliandi e restando in attesa di suggerimenti-richieste di spiegazioni o di qualsiasi interlocuzione, per attivare le procedure per ospitare l’evento sportivo e quindi i tifosi del Catania in una festa di sport. In data 12 dicembre, non avendo ricevuto alcuna risposta o richiesta di chiarimenti in ordine alle intenzioni, la società ha provveduto alla messa in vendita dei biglietti per il settore ospiti, tra tribuna numerata e curva, chiudendo con 448 biglietti venduti. In data 13 dicembre, a nove giorni dalle nostre comunicazioni ufficiali via Pec, a seguito di una visita all’impianto, sono cominciate a sorgere una serie di problematiche legate al numero di parcheggi disponibili, al flusso e al deflusso dei tifosi del Catania ed a notazione sulla altezza delle mura. Nel merito, il campo Carrano, a cura e spese della proprietà del Santa Maria è stato oggetto di importanti lavori di ristrutturazione e miglioramento che lo rendono un impianto moderno e funzionale. Investimenti che, fatti su un campo di proprietà pubblica, nel rispetto della legge, per la società vengono oggi pesantemente mortificati. Una grande sconfitta non solo per il club giallorosso, ma per la collettività e le istituzioni tutte che sembrano non essere riuscite a gestire, insieme, una giornata di sport. I tifosi del Catania, già in possesso del biglietto, potranno chiedere il rimborso attraversa la piattaforma online o presso il punto vendita di Catania.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasferta vietata ai tifosi del Catania

SalernoToday è in caricamento