Cavese - Agropoli 0-1: il derby va ai cilentani

Vittoria per i delfini in terra metelliana

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

L’Agropoli bagna l’esordio in serie D dopo 15 anni battendo per 1 a 0 la Cavese. La gara del “Simonetta Lamberti” si rivela fin dai primi minuti ostica ma equilibrata con i metelliani che si dimostrano d’essere un avversario temibile soprattutto sul proprio campo, a cospetto di oltre un migliaio di tifosi. I delfini partono bene e dopo appena sei minuti vanno vicini al gol con Parisi che su angolo di Carotenuto non trova la porta per poco. La risposta dei metelliani passa tra i piedi di Marante che al 17’ e al 26’, però, sbatte contro il muro innalzato da Capozzi, oggi uno dei migliori in campo. Al 33’ la punta cavese è però costretta ad uscire per infortunio e al suo posto entra in campo l’ex Balzamo.

L’Agropoli è invece arrembante in avanti, trova poco la porta ma gestisce bene il possesso palla. La Cavese si propone avanti con qualche ripartenza e affonda soprattutto sul fianco destro dei cilentani dove De Rosa è incontenibile per Pagano. I primi 45’ si concludono sul punteggio di 0 a 0. Nella ripresa i padroni di casa entrano in campo più motivati e mettono alla prova i riflessi di Capozzi almeno due volte nei primi cinque minuti ma l’estremo difensore classe ’93 proveniente dalla Renato Curi Angolana gioca come un veterano veterano e non si fa battere dalle conclusioni dal limite di Palladino prima e De Rosa poi. Col trascorrere dei minuti la Cavese cala e l’Agropoli sale in cattedra. Agata, subentrato a Manfredini ed apparso subito in gran forma, sbaglia da pochi passi prima su punizione di Mallardo, colpendo debolmente di testa e poi su cross di Carotenuto. Il gol però è nell’aria e arriva al 32’ al termine di un’azione rocambolesca: Mallardo viene strattonato in area di rigore e il direttore di gara concede il penalty. Dal dischetto va Carotenuto ma il portiere di casa De Luca devia, sulla respinta va Calabuig che coglie il palo, la palla rimbalza avanti a D’Attilio che da pochi passi non fallisce siglando il gol dell’1 a 0.

Il vantaggio cilentano innervosisce i padroni di casa che perdono l’allenatore Volpi e il secondo portiere Squarcialupi, entrambi espulsi dalla panchina. L’Agropoli invece si ripropone in avanti cogliendo un palo con Sekkoum al 41’ su punizione dalla destra. Il pareggio dei legni giunge a tempo scaduto su tiro di Balzamo da distanza ravvicinata ben servito da De Rosa. Il tempo che resta è di estrema sofferenza per gli agropolesi ma al triplice fischio finale scoppia l’urlo liberatorio di squadra e pubblico ospite che festeggia con i tre punti il ritorno in D.

CAVESE - AGROPOLI 0-1

Cavese: De Luca, Bove (43′ Belcranio), Palladino, Serrapica, Giordano (9′ s.t. Manzi), Langella, Ercolano, Alfano, Moronti (32′ p.t. Balzamo), De Rosa, Marrandino. A disposizione: Squarcialupi, Lordi, Serra, Colucci. Allenatore: Volpi
Agropoli: Capozzi, Pagano (30′ s.t. Laino), Lombardi, Sekkoum, Calabuig, Parisi, D’Attilio, Toscano, Mallardo (36′ s.t. Bencardino), Carotenuto, Manfredini (1′s.t. Agata). A disposizione: Manfellotto, Margiotta, Montano, Mari. Allenatore: Nastri
Arbitro: Di Stefano di Brindisi
Ammoniti: Giordano, Serrapica, Bove, Ercolano, Manfredini. Espulsi dalla panchina Volpi e Squarcialupi.

Torna su
SalernoToday è in caricamento