Crisi Salernitana, la voce dei tifosi: "Tutti a casa, la società deve riflettere"

I supporter prendono di mira la proprietà e le scelte di mercato. Non è piaciuto l'atteggiamento di Ventura che ha lasciato anzitempo la panchina, mentre la squadra tentava la rimonta

Gian Piero Ventura - foto Gambardella

Cinque sconfitte consecutive fuori casa, l'allenatore Gian Piero Ventura che lascia la panchina con largo anticipo rientrando negli spogliatoi dello stadio Tombolato di Cittadella, mentre gli ultras avevano già abbandonato in segno di protesta sul 4-1 per contestare davanti alla tribuna.  La Salernitana è in crisi profonda e i tifosi prendono di mira tutti, nessuno escluso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La voce dei tifosi

Antonio Positano: "E' finita l’era di Lotito a Salerno. Premetto che la considerazione non è dovuta al risultato sportivo ma all'andamento della stagione. Salerno merita amore e passione. La passione che abbiamo noi tifosi. Adesso basta". Paolo Toscano: "L’emblema della partita è nel gesto di Ventura che abbandona il campo prima del fischio dell’arbitro. E' stato incapace anche di trasmettere voglia e grinta ai propri calciatori. Per il resto, solita prestazione indecente". Ciro Troise: "Fallito miseramente anche quest'anno il progetto (progetto?) della dirigenza. Unica costante il direttore sportivo che dovrebbe trarre le proprie conclusioni insieme all'allenatore. Tra Rosina, Di Gennaro e Cerci, buttati al vento migliaia di euro che potevano essere spesi meglio". E Mimmo Rinaldi incalza: "La partita è finita nel primo tempo. Purtroppo gli attaccanti sono quello che sono. In più mettiamoci un centrocampo che non fa nè filtro nè fa la fase offensiva. Guarda caso fuori Di Tacchio (nulla contro il ragazzo, è l'unico che da due anni canta e porta la croce) e Akpa, la squadra ha dato un cenno di ripresa. Il risultato resta mortificante, anzi direi umiliante". "Ormai i granata hanno una media da retrocessione - dice Mario De Rogatis - Si dovrebbe intervenire immediatamente, ma, considerate l'incompetenza e l'incapacità dei vertici societari, i rimedi potrebbero essere peggiori dei mali. La squadra è mediocre e sembra essere piombata in un vortice di rassegnazione. Ci vorrebbe una scossa forte per invertire la rotta,  a cominciare da un paio di attaccanti di razza che sostituiscano le nostre comparse, a prescindere dai gol che ogni tanto qualcuno realizza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento