Coronavirus, il granata Micai campione di solidarietà: tre donazioni

Il portiere originario di Mantova ha scelto tre regioni alle quali è molto legato: la Lombardia, casa sua, la Puglia perchè ha giocato a Bari, la Campania e quindi la Salernitana

Dopo Djuric che ha messo all'asta la maglia indossata contro il Livorno, ecco Alessandro Micai, campione di solidarietà.
Il portiere della Salernitana, originario di Mantova ha scelto tre regioni alle quali è molto legato e ha effettuato donazioni per sostenere la battaglia contro il coronavirus: primo bonifico alla regione Lombardia, casa sua, poi alla la Puglia perchè ha giocato a Bari, infine alla Campania, alla quale si è legato in virtù dell'esperienza con la Salernitana

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il messaggio su instagram

"E' vero, il bene si fa in silenzio... ma con questo gesto spero che qualcuno faccia come me e (nelle proprie possibilità) dia una mano a chi ne ha davvero bisogno. Ho deciso donare un contributo a 3 regioni italiane alle quali sono particolarmente legato: alla regione Lombardia, che è la mia terra ed è quella più colpita da questa tragedia. Alla regione Campania, terra che mi ospita da due anni e che sto cominciando a sentire anche un po’ “mia”... e alla regione Puglia, che per me è stata come una seconda casa per 4 anni. Insieme ne usciremo ... e sarà tutto più bello! Con affetto. Alessandro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus a Cava de' Tirreni, morto luogotenente dei carabinieri

  • Covid-19: situazione drammatica al Ruggi, anziana in gravissime condizioni

  • Covid-19: altri 3 contagi a San Mango, nuovi casi a San Severino, Sarno, Vibonati e Nocera

  • Covid-19: contagi in diminuzione in Campania, l'analisi dei dati

  • Covid-19: in Campania 2.677 contagi, 8 nuovi positivi a Salerno città

  • Covid-19 a Cava, lo sfogo di Carla De Pisapia: "Mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone"

Torna su
SalernoToday è in caricamento