menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto: internet

Foto: internet

Caos format serie B: sentenze rinviate a martedì!

Quest'oggi il Collegio di Garanzia del Coni si pronuncerà sui ricorsi di Ternana, Pro Vercelli, Siena, Catania e Novara per il ritorno della serie cadetta a 22 squadre. Dal canto loro, le 19 compagini restano compatte contro il ripristino del vecchio format. Lo scontro è ferale chi la spunterà?

+++ Aggiornamento delle 19.08 +++ 

Prosegue l'attesa spasmodica per conoscere il verdetto del Collegio di Garanzia del Coni. Conclusa la fase dibattimentale alla presenza il presidente Franco Frattini - secondo quanto riferito da Tuttomercatoweb - le sentenze potrebbero essere pronunciate addirittura lunedì se non martedì, dilatando clamorosamente le tempistiche ipotizzate stamane. Spifferi di corridoio annunciano l'Armageddon, ovvero il ripristino del campionato di Serie B a 22 squadre. Qualora ciò avvenisse, il classico 'papocchio' all'italiana sarebbe compiuto. 

L'ora X sta per arrivare. Da stamane infatti è iniziato il conto alla rovescia (il punto del non ritorno è verso ora di cena salvo lungaggini) per via dell'atteso verdetto del Collegio di Garanzia del Coni che si pronuncerà sui ricorsi di Ternana, Pro Vercelli, Siena, Catania e Novara per un ritorno della serie cadetta a 22 squadre. Qualora l'organo del Coni dovesse accogliere i ricorsi delle società 'ribelli' - ipotesi tutt'altro che remota - quindi inviso alla decisione unilaterale della serie cadetta di cambiare il format della serie b a 19 squadre (decisione presa per maggioranza dopo  tre fallimenti amministrativi di Bari, Avellino e Cesena) potrebbe materializzarsi un vero e proprio Armageddon di proporzioni bibliche per il mondo del calcio, e che di fatto scompaginerebbe i faticosi equilibri raggiunti in questa difficile estate, caratterizzata da carte bollate e singola tenzoni tra fazioni opposte.

Le 19 compagini cadette restano compatte a favore del nuovo "status quo" forti non solo di una decisione considerata "necessaria" per la sopravvienza del sistema, ma anche di un campionato partito e giunto già alla seconda giornata di campionato. In questo senso, significative sono state le parole anche del co-patron granata Marco Mezzaroma che in merito alla questione si è così espresso con una nota pubblicata sul sito web ufficiale della Salernitana:

"Ritengo sia importante sottolineare ancora una volta quanto sia fondamentale perseguire l’equilibrio del sistema che la Lega di B sta portando avanti compatta e coesa al fine di tutelare i milioni di tifosi delle squadre del campionato di Serie B. Quella che la B ha deliberato in più occasioni è una riforma ineludibile e dalla quale non si può più prescindere per il bene del nostro calcio. Sono sicuro che le Società retrocesse in Lega Pro e quelle che hanno mancato la promozione lo scorso anno vorranno dimostrare sul campo di meritare la B”.

Ora non resta che attendere la pronuncia del Coni, in un giorno campale che comunque vada resterà nella storia della serie cadetta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

social

Turismo, la spiaggia di Santa Teresa su "Lonely Planet": l'annuncio del sindaco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento