menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salernitana, trasferta da brividi: gettare il cuore oltre il Frosinone

Al Matusa i Granata sono privi di Foggia, Bianchi e Mancini. I ciociari, leader del campionato, dallo stratosferico rendimento casalingo e privi di Curiale e Zappino, si avviano verso la promozione in serie B

Primo posto in graduatoria con 58 punti, 5 lunghezze sopra la seconda piazza occupata da un Perugia che non pare intaccarne la leadership, ben 17 vittorie e 48 reti totali nel bilancio generale, 12 vittorie e 2 pareggi per 30 reti siglate ed appena 5 subite nelle 14 gare tra le mura amiche in cui mai ha conosciuto l'onta della sconfitta. Numeri d'alta scuola quelli del Frosinone allenato da mister Roberto Stellone. Fotografia oggettiva dello stato di cose in una compagine che veleggia sulla cresta dell'onda per tagliare il traguardo solitaria e salire alla ribalta del campionato cadetto. Dati di fatto eloquenti che introducono la Salernitana ad un pomeriggio in terra laziale da affrontare quintuplicando gli sforzi. Il settimo posto, a 43 punti, in cui attualmente stazionano i ragazzi di mister Angelo Gregucci, è suscettibile di sensibile miglioramento solo se si proseguirà con un importante filotto di risultati: L'Aquila ed il Catanzaro, a 46 punti in quarta posizione, navigano a vista e gran parte delle velleità di rimonta dei Granata, fomentate dalla pregevole bottino di punti avutosi con l'avvento di Gregucci, passa proprio per Frosinone. Vedremo domani, calcio d'inizio fissato alle ore 15, come Mendicino e compagni reggeranno alla contesa, senz'altro più che ostica.

Per non patire il prolifico attacco e l'ermetica difesa dei Gialloblu di casa, mister Gregucci ha allo studio diverse soluzioni per ovviare alle defezioni di Foggia e Mancini  sulla trequarti e di Bianchi nelle retrovie. Alle spalle dell'unica punta Mendicino si contendono tre maglie da titolare Gustavo, Ampuero, Volpe, Mounard e Fofana, senza dimenticare che è da sciogliere il nodo su chi, tra Pestrin, Mendicino e Perpetuini, andrà a comporre la coppia a protezione del quartetto difensivo. Davanti a Gori, dunque, linea difensiva da destra a sinistra formata da Scalise, Tuia, Sembroni e Piva. A fare da scudo davanti ad essa dovrebbero avere spazio Pestrin e Perpetuini col delicato compito di tenere corto lo schieramento a fronte degli attacchi dei padroni di casa, pur privi di Curiale, e dei loro efficaci movimenti difensivi. Il trittico di mediana, allo stato, pare debba essere composto da Volpe sulla sinistra, Mounard al centro e Gustavo a destra. Si rivede, tra i convocati granata, il centravanti Ginestra, indisponibile di lungo corso. Ciociari senza il portiere titolare Zappino ed il difensore Bertonicini. Salernitana che ha battuto per 1-0 all'andata, con un guizzo da applausi di Mendicino al fotofinish; il Frosinone e che successivamente ha pareggiato per 1-1 al Matusa nel corso della Coppa Italia di Lega Pro. Stadio verso il tutto esaurito, almeno 300 i supporters granata presenti. Arbitra Sacchi della sezione di Macerata, "fischietto" del notorio derby-farsa del 10 Novembre all'Arechi.

Probabile formazione SALERNITANA (4-2-3-1): Gori; Scalise, Tuia, Sembroni, Piva; Pestrin, Perpetuini; Gustavo, Mounard, Volpe; Mendicino. All.: Gregucci

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento