Gelbison - Palazzolo 3-2: i vallesi tornano alla vittoria

Tre punti importanti per la squadra di mister Erra

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Dopo quaranta giorni di astinenza la Gelbison ritrova la vittoria battendo un Palazzolo venuto a Vallo della Lucania con l'intento di strappare un risultato positivo per continuare la rincorsa verso la salvezza. Ottima la prova corale dei rossoblu, scesi in campo, fin dalle prime battute, con il giusto spirito, desiderosi come erano di tornare a conquistare i tre punti che ormai mancavano dal lontano 15 dicembre, giorno della memorabile vittoria casalinga ai danni dell'Agropoli. Pronti via che già al 7' la Gelbison si ritrovava in vantaggio con Pascuccio (prima realizzazione con la maglia rossoblu) che era abile a ribadire in rete in scivolata da pochi passi una sponda aerea del suo collega di reparto Manzo sugli sviluppi di una punizione battuta da Manzillo.

Il goal in apertura aveva il merito di sciogliere mentalmente la Gelbison che iniziava un vero e proprio assedio dalle parti di Scordino. Il primo a farsi pericoloso era Mustone (8') con un velenoso fendente mancino dal limito dell'area che il portiere ospite miracolosamente deviava in angolo. Poi era il turno di Sene che per due volte si ritrovava a tu per con l'estremo difensore siciliano: nella prima occasione (22') il senegalese imbeccato da Viciconte sparava una fucilata in diagonale sulla quale Scordino riusciva a rifugiarsi in corner, nella seconda circostanza (23') il numero nove rossoblu, autore di una prova di grande spessore fisico, da pochi passi calciava la sfera al lato.

Davanti ad un pubblico infreddolito nonostante il sole, la Gelbison continuava a macinare bel gioco: in due occasioni gli attacchi vallesi erano fermati dalla bandierina che, in maniera forse non precisa, coglieva in fuorigioco prima Grimaudo e poi Galantucci ritrovatisi davanti al portiere gialloverde. Il primo tempo si chiudeva sullo striminzito risultato di uno a zero, punteggio davvero stretto vista la mole di gioco prodotta dalla Gelbison.

Alla ripresa, come spesso accade, gli ospiti alla prima occasione (60') buona siglavano la rete del pareggio con il nuovo entrato Aperi che in sospetto fuorigioco trafiggeva Spicuzza dall'interno dell'area piccola. Il goal scatenava le veementi proteste dei rossoblu: a farne le spese erano Spicuzza che si beccava un cartellino giallo e Torre (allenatore dei portieri) che veniva allontanato dalla panchina.

Smaltita la rabbia per l'immeritato pareggio, i ragazzi di Erra ricominciavano a premere e già al 70' si riportavano in vantaggio con Galantucci che, servito in profondità da Grimaudo, era freddo a battere Scordino. Il tecnico della Gelbison subito operava una sostituzione scegliendo la freschezza atletica di Santonicola al posto del fino ad allora ottimo Manzillo. Il centrocampista di Acciaroli appena entrato si beccava una fiscale ammonizione da parte del direttore di gara, sanzione pesante che gli farà saltare la prossima partita sul campo della Vibonese.

I rossoblu iniziavano a gestire in tranquillità la partita sprecando in più di un'occasione la possibilità di triplicare in contropiede. L'occasione più clamorosa (88') era fallita da Sene che, servito da Pecora, non riusciva a ribadire in rete ad un metro dalla linea di porta. Il goal meritato arrivava all'89' con De Cesare, entrato alla mezz'ora al posto di Galantucci, che doveva solo spingere in porta un assist al bacio di Sene che così si faceva perdonare l'occasione fallita solo un minuto prima.

L'arbitro per allungare la tensione decideva inspiegabilmente di concedere sei minuti di recupero (poi diventati sette) nei quali il Palazzolo (93') accorciava le distanze con Gennarini. Successivamente (95') c'era anche tempo per l'espulsione di capitan Pecora che incappava in un'assurda espulsione per doppia ammonizione. La Gelbison, nonostante gli ultimi minuti concitati, riusciva a centrare la vittoria ritrovando il sorriso e mantenendo il suo magnifico terzo posto in classifica.

GELBISON - PALAZZOLO 3-2

GELBISON: Spicuzza, Magliocca, Mustone, Manzillo (26' st Santonicola), Pascuccio, Manzo, Grimaudo, Pecora, Sene, Galantucci (38' st De Cerare), Viciconte (20' st Di Filippo). ALL. Erra. A disposizione Nappi, Melcarne, Passaro, Maiese
PALAZZOLO: Scordino, Peluso, Miraglia, Liga (10' st Costanzo), Chiariello, Perricone, Caputa (37' Gennarini), Calabrese, Mazzeo, Sarli, Mastria (10' st Aperi). ALL. Pidatella. A disposizione Oliva, De Luca, Pizzo, Bordonaro, Peluso
ARBITRO: Serani di Monza,assistenti, assistenti Vinti di Perugia e Martini di Terni
RETI: 7' Pascuccio, 13' st Aperi, 24' st Galantucci, 43' st De Cesare, 49' st Gennarini
NOTE: espulso Pecora al 92'; ammoniti Spicuzza, Galantucci, Santonicola, Di Filippo, Miraglia, Liga, Perricone, Sarli; recupero 0-6 angoli 4-2 a favore della Gelbison; spettatori 600; tempo soleggiato ma freddo.

COMPRENSORIO NORMANNO - GELBISON 1-0

Torna su
SalernoToday è in caricamento