rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Sport

Gelbison, respinto ricorso contro squalifica Francesco Sica

Il giudice sportivo ha confermato la squalifica per il capitano vallese

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Tegola in casa Gelbison che si sta preparando per la decisiva trasferta di sabato contro il Cittanova. Infatti il Giudice Sportivo ha deciso di respingere il ricorso presentato contro le cinque giornate di squalifica a carico del capitano rossoblu Francesco Sica e quindi il giocatore vallese dovrà saltare altre tre partite. Un brutto colpo che segue alle due giornate di squalifica che sono state decretate a carico del difensore Fabio Fariello che domenica ha “…perduto il possesso del pallone – scrive il giudice Francesco Riccio – ad opera di un calciatore avversario e ha inseguito quest’ultimo e, senza alcuna intenzione di impossessarsi del pallone, lo ha colpito con un violento calcio allo stinco cagionandogli sensazione dolorifica”.

Come se non bastasse la Gelbison dovrà, per la prima volta in stagione, fare a meno anche del portiere titolare Agostino Spicuzza che ha raggiunto somma quattro ammonizioni ed è così stato squalificato per una giornata. Insomma oltre agli infortuni che stanno falcidiando la rosa, pure il Giudice Sportivo mette nei guai la compagine cilentana che dovrà affrontare il Cittanova, per forza di cose, con una formazione rimaneggiata. Ma il Giudice Sportivo ha avuto anche la mano pesante nei confronti della società poiché ha multato con 2.500 euro, più la diffida, i vallesi perché “…nel corso del secondo tempo, propri sostenitori hanno lanciato e fatto esplodere all’interno del recinto di gioco, alle spalle del portiere della squadra ospite, un petardo di media potenza e due petardi producenti varie esplosioni. Per avere, al termine della gara, un addetto alla sicurezza inseguito sul terreno di gioco uno degli assistenti rivolgendogli espressioni gravemente ingiuriose e minacciose. Al tentativo dell’arbitro di riportare la calma, - scrive il giudice - frapponendosi tra i due, l’individuo spintonava il direttore di gara ponendogli le mani sul petto e desistendo dall’azione soltanto grazie all’intervento del capitano della squadra ospitante. Sanzione così determinata in considerazione sia della gravità dei fatti che della oggettiva idoneità del materiale pirotecnico impiegato a produrre danni all’altrui integrità fisica, sia infine in considerazione della recidiva per i fatti di cui ai CU 43 e 55”.

Nonostante tutto c’è però l’attaccante Kevin Tulimieri che sprizza di gioia dopo aver siglato il gol del pareggio contro il Nuvla ed aver offerto una prestazione ad alti livelli: “Giocando più vicino alla porta – dice – sono più pericoloso e posso trovare la via del gol. Credo che quella di domenica – ricorda – sia stato un match importante, ma mancano ancora cinque partite e in queste giornate dobbiamo sbagliare poco e niente se vogliamo salvarci tranquillamente. Il Cittanova – conclude – è una squadra formata da giovani e sicuramente avranno voglia di lottare per ottenere un risultato positivo. Di sicuro non li sottovalutiamo e andiamo in Calabria con il massimo della concentrazione per ottenere il risultato pieno”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gelbison, respinto ricorso contro squalifica Francesco Sica

SalernoToday è in caricamento