La voce dei tifosi: "Rosina l'unica nota lieta, attacco da Lega Pro"

Dopo il deludente pareggio interno con il Cesena, tra i supporter granata c'è malcontento diffuso, vuoi per le innumerevoli palle gol sprecate da Bocalon e soci, vuoi per la giornata granata, da alcuni addirittura boicottata

La Curva Sud Siberiano (Foto: Gambardella)

Dopo aver dominato una gara in lungo e in largo, ma al contempo sprecato l'inverosimile sotto rete, la Salernitana è costretta mordere nuovamente il freno tra le mura amiche, accontentandosi di un pareggio che sta strettissimo al club campano. E dire che col mediocre Cesena sarebbe potuto andare addirittura peggio se i granata non avessero potuto contare su una magia balistica di Alessandro Rosina, che, dopo mesi di naftalina, ha finalmente deciso di regalare alla platea un lampo di quella che era una volta un talento infinito. Tra i tifosi intervenuti per la consueta rubrica settimanale "La voce dei tifosi", serpeggiaforte il malcontento, in primis per l'occasione sprecata al cospetto di un avversario tutt'altro che irresistibile, e poi per via della giornata granata, talmente indigesta da essere addirittura boicottata da alcuni intervistati.    

Ad aprire il nostro giro d'interviste, Andrea Quaranta: "Manca il bomber. Inutile girarci intorno. Non si può essere ambiziosi con un 'novello' centravanti di 29 anni ed un promettente ragazzo che ha bisogno di crescere gradualmente. In questo modo si sceglie di galleggiare nell'anonimato, punto e basta". Con altri toni, gli fa da eco Paolo Amato: "Questa partita è lo specchio dell'intera stagione, dal titolo: "Vorrei, ma non posso". Frase che si può interpretare in diversi modi, scegliete voi... Unica nota lieta: finalmente Rosina. Presente in quasi tutte le azioni di gioco, sempre in movimento e, soprattutto, con i compagni che lo cercavano di continuo. Credo che quella di ieri sia stata la sua prima partita da leader indiscusso". Analisi lucida quella di Luigi Nese: "Sotto vari aspetti sono un po’ deluso, ma con il pareggio teniamo almeno il Cesena a -5. Aspetti positivi? Rosina. Aspetto negativi? Gli attaccanti, davvero scadenti, onesti gregari che potrebbero ben figurare solo in Lega Pro! Alla fine della giostra pensiamo a raggiugnere la salvezza. Quel che mi dispiace, soprattutto da salernitano lontano dalla patria, è vedere l’Arechi così desolantemente vuoto. Ora spero non si faccia l’errore di dare la colpa ai tifosi, soprattutto dopo il terzo campionato anonimo. Con il centenario alla porte proverei ad aprire un dialogo con la società, ma senza pregiudizi: è giusto capire capire che tipi di programmi hanno, senza compiere l’errore di scambiare la lana con la seta. D'altronde, così facendo questi sono i risultati che si raccolgono". In aperta contestazione il nostro Luca Bochicchio: "Da abbonato ho deciso di non partecipare alla giornata granata. Mai una minima attenzione nei nostri confronti che garantiamo presenza, sostegno e contributo economico a scatola chiusa ad inizio stagione. Questa giornata agevola l'occasionale in quanto da 14 paga 10 euro per la curva. Il Sig. Lotito, verso la sua vera squadra, dedica continue attenzioni e chiamate a raccolta dei tifosi con prezzi piu che popolari. Non pretendiamo, come lui ancora dice, la seria A. Noi, a Salerno, a prescindere dalla categoria, esigiamo rispetto, esigiamo dignità. Noi meritiamo di più della sua presunzione!". Stranamente meno ironico del solito, il nostro Armando Della Monica, noto esercente della zona Vestuti di Salerno: "La partita? Oramai siamo alla fase 'pareggi in casa e fuori'. Il campionato oramai si sta trascinando stancamente verso l'epilogo, non si può chiedere di più. Un 'plauso' a Rosina che si è finalmente ricordato come si tirano le punizioni". Chiude quest'oggi la nostra rubrica, Guido Diodato: "Viva Dio, si è visto Rosina dopo quasi due anni di prestazioni inguardabili. Per il resto, buon possesso palla e bei fraseggi ma come sempre manca il finalizzatore. Non puoi rischiare di perdere contro un avversario scarsissimo, dopo aver creato ben dieci palle gol nitide. Bocalon si sacrifica tanto ma si divora l'impossibile. Campionato da aspettative societarie". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

Torna su
SalernoToday è in caricamento