La voce dei tifosi: "Schiavi di questa società, arrogante e indegna anche nell'anno del centenario!"

Dopo l'ennesima debacle casalinga della Salernitana (stavolta a far festa è stato il Lecce) c'è tanta rabbia e frustrazione tra i supporter granata. Sul banco degli imputati Claudio Lotito e il direttore generale del club Angelo Fabiani

Lamin Jallow in azione (foto Gambardella)

Ad aprire il nostro giro di interviste per la rubrica di SalernoToday "La voce dei tifosi", il proclama di Luca Bochicchio, che si scaglia senza mezzi termini contro l'operata di questa società: 

"Schiavi di questa società. Siamo destinati per sempre a partecipare senza poter competere, a vincere una partita senza poter ambire a nulla. Questi sono i fatti! Ora sta a noi, tifosi sempre presenti, disertare e far davvero capire che non ci basta partecipare tanto per.... Lo spettacolo della curva che ieri, spaccata, contestava solo in parte direttore generale e proprietario è stato uno spettacolo indegno per una tifoseria gloriosa come la nostra! Dove sono gli ultras? 

P.s.:Visto che il mister si permette di dire che la squadra subisce troppo le pressioni dell’Arechi, meglio non presentarci allo stadio! Così facendo faremo un favore a tutti. Invece di avere l'umiltà di chiedere scusa agli infreddoliti  tifosi presenti per il vergognoso spettacolo offerto, questo 'signore' ha anche il coraggio di accampare scuse?. Basta affaristi papponi e mercenari indegni. Salerno merita altro".

Sulla stessa lunghezza d'onda Gianfranco Iuliano, che non le manda a dire alla società:

Quando la finiremo di farci prendere per i fondelli da questa società speculatrice, sarà sempre troppo tardi!

Deluso quanto critico Guido Diodato

"In pochi giorni abbiamo visto l'involuzione tattica e mentale di una squadra senza spina dorsale. Inguardabile, a tratti imbarazzante, la Salernitana si è sciolta subito, incassando una sconfitta che riaccende i riflettori su quanto urge intervenire sul mercato. Mai in partita,  tutti i calciatori hanno 'offerto' prestazioni sotto la media del 5 in pagella. Il peggiore di tutti, non me ne voglia il calciatore, è stato Castiglia che a questo punto credo debba essere solo ceduto per manifesta incompatibilità con la piazza, anche se mi domando che professionista è un professionista non in grado di sopportare un minimo di pressione? Anche Di Gennaro è entrato con poca grinta, infatti dalla postura del corpo mi sembrava quasi che stesse dirigendo un allenamento settimanale. Purtroppo sembra di vedere un film del quale conosci gia' il finale. Povera mia Salernitana in che mani sei finita!"

Deluso anche Andrea Quaranta

"Solita partita anonima. Le vittorie avute sono frutto di improvvisazione e casualità.  Senza il cervello a centrocampo (Di Gennaro si riprende o no?) e chi la butta dentro, cioè la punta centrale, parleremo sempre a vuoto! Queste due mancanze rappresentano il minimo sindacale per sperare nei playoff. Questa squadra è qualitativamente la stessa dello scorso anno, in cui abbiamo ampiamente fallito l'obiettivo degli spareggi".

Sconsolato anche Raffaele Marotta

"Una squadra senza se e senza ma, praticamente impalpabile. Primo tempo assurdo caratterizzato da due gol evitabilissimi! Il Lecce ha fatto la partita, noi ci siamo limitati a subire e ad essere spettatori passivi della gara. Sulla Società sono stanco di parlare, non ho più offese ed epiteti per qualificarli, e poi tanto se ne fregano altamente! Su Palombi, beh piccolo uomo!C'era bisogno di esultare e starnazzare in quella maniera dopo il gol? Tuttavia meglio andare avanti per fare quanto prima i punti salvezza".

Arrabbiato contro la società Paolo Amato

"Io davvero sono senza parole. Purtroppo siamo schiavi dell'arrogante società romana. Anche nell’anno del centenario stiamo assistendo a questo spettacolo schifoso, indegno anche per piazze meno autorevoli della nostra. In tempi non sospetti in curva  ci sarebbe stata la rivolta, ma oggi... ci sono i fantasmi!"

Sorpreso per questa debacle contro il Lecce anche Francesco Petrella:

"Nemmeno il tempo di fare i complimenti a Gregucci per Palermo, che la partita a seguire con il Lecce sbaglia formazione e impostazione tattica: molli, confusi e fuori partita all’inizio dei due tempi! I due gol, come col Brescia, sono regali confezionati ad arte mentre alcuni giocatori (Pucino, D. Anderson, Castiglia, Gigliotti) non solo non sono scesi in campo, ma non sono nemmeno usciti di casa! A salvarsi i soli Mantovani, A. Anderson e in parte Jallow. Bisogna trovare identità tattica e principi di gioco e serve un realizzatore di livello come l’acqua nel deserto. In conclusione, un dubbio mi assale: ma Gregucci e  Fabiani sono sulla medesima lunghezza d’onda?"

Riflessione ad ampio raggio, quella di Luigi Nese: 

"Io penso che atleti come Quagliarella siano uno spot bellissimo per il calcio, in grado di avvicinare tanti giovani grazie alla passione, alla dedizione e alla professionalità profusa nei confronti di questo sport. La sua antitesi, putroppo, è Claudio Lotito, capace con il suo operato di 'offrire' solo deterrenti in grado di allontanare gli appassionati da questo sport. Non posso capacitarmi infatti su come sia possibile che ogni volta che abbiamo una possibilità di fare un salto decisivo verso i playoff, giochiamo malissimo, e puntualmente le prendiamo. E' sempre così negli ultimi 4 anni!. Oramai non riesco nemmeno più a provare rabbia, solo tanta delusione".

Conclude il nostro giro di interviste Armando Della Monica, che chiude il suo intervento con una dedica speciale:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Primo tempo col Lecce simile per evanescenza a quello col Palermo, secondo tempo giocato con un po' più di mordente, ma senza idee precise di gioco. Questa in sintese è la cronaca della miserevole partita offerta dalla Salernitana! Per il resto, la solita minestra che proseguirà come sempre fino a fine campionato. Inutile sprecare altri commenti. Concludo il mio intervento per ringraziare pubblicamente Tullio Trezza - che oggi ci saluta come redattore di SalernoToday - per averci fatto partecipe di questa splendida rubrica dedicata ai tifosi, dandoci la possibilità di commentare e a volte 'sfogare ' i nostri umori sulla Salernitana. Un saluto e un in bocca a lupo per tutto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento