Montervino: "Presto torneremo a chiamarci Salernitana. Diamo tempo alla società"

Il centrocampista blaugrana ha rilasciato una lunga intervista a cuore aperto su presente, passato e futuro a Salerno, chiedendo ai tifosi di dare tempo all'attuale società

Il centrocampista del Salerno Calcio Francesco Montervino ha rilasciato una lunghissima intervista a cuore aperto a Resport.it. Ecco quanto evidenzia Salerno Today: "Salerno è l'unica piazza in cui ho subìto retroces­sione, contestazione, falli­mento. Ho una voglia di riscatto in corpo che non si può descrivere. Questa squadra e questa situazione mi ricorda il primo Napoli di De Laurentiis post-fallimento. Con lui avevo un rapporto splendido, così come quello che sto avendo quest'anno con Lo­tito e Mezzaroma".

Montervino guarda già al possibile ritorno tra i professionisti: "Se Dio vuole, tra qualche mese po­tremmo ritrovarci in terza serie a parlare d'un cam­pionato "a vincere" per tor­nare subito in B. Sono pro­spettive straordinarie. Però adesso pen­siamo a vincere la D. Tocca scappar via subito. Sono stati sacrifici necessari, li ricorderemo sorridendo quando la Salernitana sarà nel calcio che conta. Sì, la Salernitana perchè questa so­cietà riporterà tutto: nome, simboli, storia, e soprattut­to un futuro degno della piazza, della sua gente. Da­tegli tempo. Il tifoso grana­ta è coerente, ha un grande senso d'appartenenza, ma ora deve saper resistere a quest'assenza, ch'è solo momentanea. Il calcio, proprio quello, era l'unica cosa che non funzionava in questa città ch'è diventata un modello a livello nazio­nale per tutte le altre cose. La proprietà attuale colme­rà pure questa lacuna. E ci sarà di che divertirsi".

Il centrocampista originario di Taranto, però, non dimentica neanche il passato e la parentesi Lombardi: "E' una ferita aperta. La gestione Lombardi mi ha rovinato la vita. Ho perso soldi, subito minacce, offe­se, umiliazioni. E poi quella parentesi Cala, che mi die­de il colpo di grazia... Però non ho mollato. Perchè è proprio in quei momenti che mi veniva ancor più vo­glia d'essere uomo, di met­terci la faccia".

Per uno che è stato il capitano del Napoli, però, non è stato facile farsi amare a Salerno: "E' difficile sbagliare un passaggio e sentirsi urlare "vattenn' va', napulitan'". Pensavo che il fatto che l'ex capitano del Napoli giocasse nella Sa­lernitana sarebbe stato un motivo d'orgoglio. Ed invece... L'altro giorno il presidente De Laurentiis ha det­to una cosa stupen­da, immaginando un'amicizia vera tra le due città più belle ed importanti della Campania. Ci spe­ro anch'io. E' gente che si somiglia, che sa dare tanto. Per­chè farsi una guer­ra che non serve a nessuno? Capisco le rivalità, sono il sale del calcio. Ma io ho amato Napoli per­chè ha saputo re­galarmi emozioni uniche, lì quando torno sono ancora "il capitano". Ed oggi sono fiero di giocare a Salerno, di sputar il sangue per questa maglia, d'esser l'anello di congiunzione tra un passato soffer­to ed un presen­te ambizioso, d'una rinascita che promette grandi cose".

C'è un ultimo sogno che Montervino vorrebbe coronare prima di appendere gli scarpini al chiodo: "Voglio gio­care ancora una partita in serie A. Fosse una soltan­to. Poi giuro che smetto. E voglio farlo con la maglia della Salernitana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Mondragone tra risse e feriti: alcuni bulgari in fuga verso il salernitano

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Paziente infetta dimessa dall'ospedale: blitz dei carabinieri a Polla

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento