Sport Pagani

Paganese-Salernitana, 0-1: è una Pasqua Benedetta per i Granata

Gagliarda partita degli ospiti. Gli Azzurrostelalti si inchinano alla capoclassifica dopo una rete valida annullata agli avversari e una conduzione di gara appananggio degli avversari, i quali creano almeno tre palle gol nette

Buona prova per la capolista. Tre punti conquistati all'esito di una gara condotta con merito, nella quale il vantaggio arriva nella ripresa grazie ad un'autorete dell'azzurrostellato Malaccari. A 450' dal traguardo, la Salernitana è prima e consolida la sua leadership in attesa dell'impegno del Benevento a Lecce. Una certa imprecisione sotto porta, ed un errore arbitrale, che annulla un valido gol sul finire del primo tempo, non consente a Moro e compagni di brindare ad una vittoria con proporzioni più evidenti. Ma ugualmente reboante lungo la fuga solitaria per la B. La Paganese esce a capo chino, regge per quanto può sotto i ritmi dei ben più quotati avversari. Dovrà rimediare in altri appuntamenti per racimolare quei punti che ancora mancano alla matematica salvezza.

Nel bel mezzo della settimana pasquale, al Marcello Torre si disputa un derby per sognare in grande per i Granata capoclassifica; un colpo da tre punti darebbe ulteriore gas allo sprint finale verso la B. Gli Azzurrostellati non ci stanno a recitare il ruolo di vittima sacrificale e battaglieranno non poco per ostacolare le velleità dei cugini. 32esima giornata del campionato di Lega Pro girone C, il torneo è giunto ormai in una fase più che mai topica. 4-3-3 per la Salernitana; Colombo-Lanzaro-Tuia-Franco sulla linea della retroguardia. Ques'ultimo, nel riscaldamento pre-partita, accusa un acciacco e, fino all'ultimissimo secondo, tiene in pre-allarme Bocchetti per il presidio dell'out sinistro. In mediana è il trittico Bovo-Moro-Favasuli a reggere i movimenti del trio Gabionetta-Calil-Negro. Assente per infortunio Trevisan e lo squalificato Pestrin. Panchina per Cristea. Sul fronte dei padroni di casa mister Sottil sceglie uno speculare 4-3-3. A poco più di 15' dal fischio finale, Perna accusa un malanno e lascia il testimone a Donida. Franco, dunque, dalla tribuna va a sedersi in panca. Vinci, Bergamini e Russini compongono il centrocampo tra la difesa, occupata da Tartaglia, Moracci, Perna e Djibo, e l'attacco, presidiato da Deli, Girardi e Longo. 2500 circa gli spettatori presenti, un paio di centinaia i supporters granata presenti nello spicchio di curva a loro destinaa.

Ritmi blandi in avvio, la prima palla gol del match è della Paganese: al 5' Deli, ben servito davanti a Gori, manda la sfera ad infrangersi sull'esterno della rete. Caparbia la manovra della truppa di mister Sottil. La Salernitana è nelle geometrie di Moro e nelle accellerazioni di Gabionetta. Al 17' Negro lancia uno spiovente dalla sinistra in area, Colombo va giù a contatto con un avversario, l'arbitro lascia correre. Lo stesso ex Nocerina, 1' a seguire, sferra dalla distanza un rasoterra, Casadei c'è. Intorno al 20' sono più volte insidiosi gli ospiti, la difesa azzurrostellata, seppur in affanno, tiene. Alzano progressivamente i ritmi Moro e soci, al 24' Colombo va di testa su una punizione a tagliare dalla destra, Casadei va comodo nella presa. Quattro giri di lacette dopo, palla filtrante per Negro, conclusione tra palo, Moracci e Casadei, il quale blocca ed evita che la carambola termini in porta. La Paganese tende a giocare di interdizione ed intasa gli spazi. Al 43' vanno in gol gli ospiti, ma l'assistente arbitrale annulla per off-side: Negro cross in avanti una punizione, Tuia corregge in rete, Lanzaro tocca e sulla sfera si avventa Colombo che, all'atto di battere a rete da pochi centimetri dalla linea, è in posizione irregolare. La moviola evidenzia, però, che la rete dei Granata è valida, poichè il pallone è già entrato prima che Colombo lo intercetti. All'intervallo è 0-0. Salernitana più volitiva, ma la Paganese non è affatto rinunciataria.

Ripresa, approssimativa la manovra su ambo i fronti, i Granata tardano ad alzare con decisione i ritmi e far valere il più elevato tasso tecnico sugli avversari. All'8' Moro dai trenta metri, sfera che si spegne a lato. Un giro di lancette dopo, Negro sventaglia sul fronte opposto, Franco dal fondo mette in mezzo, Moracci, clamorosamente, indirizza la palla nella propria porta per il vantaggio della Salernitana. Cadeau coi fiocchi per la capolista, ripagata dall'ingiusto annullamento del gol nella prima frazione. Al 14' Tuia, di prepotenza, spara un destro dal limite che va oltre la traversa. Il pallino del gioco è costantemente nelle mani dei Granata. Preme su tutti i fronti la Salernitana. Al 18', Gabionetta sgroppa sulla destra, il suo suggerimento per Cristea viene sventato da Casadei. Il brasiliano ci mette il piede poco dopo, con deviazione di Moracci, e sfiora la rete del doppio vantaggio. Perrulli, qualche minuto a seguire, di prima intenzione, in area, spara a rete, Casadei ribatte. Buono il contributo dell'esterno ospite, subentrato a Favasuli, nell'economia della gara. Al 37' Moro riparte e lancia al bacio Mendicino che sbaglia lo stop a ridosso di Casadei e scarica su Gabionetta, il quale spreca malamente. Giocano in scioltezza gli uomini del trainer Menichini, ma il raddoppio non arriva. Mendicino scocca una conclusione tesa in pieno recupero con la palla che termina sul fondo. Sul suono della sirena, sugli sviluppi di un corner, Longo si gira e calcia poco oltre la traversa. Al triplice fischio è pesante vittoria per 1-0 per la Salernitana dei record: sesta vittoria di fila e 73 punti totali quando mancano cinque gare alla fine del campionato. Successo meritato per gli ospiti, almeno tre le nitide palle-gol create, una rete ingiustamente annullata ed un clamoroso autogol a favore. Tre punti benedetti in questa Pasqua radiosa per i raggianti sogni di Serie B per la Salernitana e i suoi tifosi.

Il tabellino della gara

PAGANESE (4-3-3): Casadei; Tartaglia, Djibo, Bergamini (dal 15'st Franco), Donida; Moracci, Vinci, Russini (dal 23'st Biasci); Girardi, Deli (53' Calamai), Longo. A disp.: Novelli, Coulibaly, Baccolo, Malaccari. All.: Sottil

SALERNITANA (4-3-3): Gori; Colombo, Lanzaro, Tuia, Franco; Bovo, Moro, Favasuli (dall'11'st Perrulli); Gabionetta, Calil (dal 17'st Cristea), Negro (dal 32'st Mendicino). A disp: Russo, Bocchetti, Pezzella, Tagliavacche. All. Menichini.

Arbitro: Paolini di Ascoli Piceno

Marcatore: 9'st Malaccari (P) autogol

Note: pomeriggio gradevole. Campo in sufficienti condizioni. Spettatori 2500 con oltre duecento di fede granata. Ammoniti: Colombo (S), Tuia (S), Longo (P), Vinci (P). Angoli: 2-6. Recuperi: 1'pt-4'st.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paganese-Salernitana, 0-1: è una Pasqua Benedetta per i Granata
SalernoToday è in caricamento