rotate-mobile
Sport

Pontedera-Salernitana, 2-0: bocciatura senza appello per i Granata

Irritante ed impalpabile la gara degli ospiti. Pomeriggio che riassume alla perfezione la stagione granata. Il Pontedera avanti grazie ad un'autorete di Siniscalchi al 18' del primo tempo. 5' dopo raddoppio di Arrighini

Il nulla mischiato con il niente: ecco la prestazione della compagine di patron Lotito. Un illusorio e vivace inizio dà il là ad un prosieguo inguardabile. Totale assenza di corsa, determinazione, mordente e voglia. Morale della favola: sconfitta per 2-0 che pone un punto esclamativo sull'inconsistente campionato dei Granata, addirittura fuori dalla zona play-off quando oltre la metà del torneo è stato mandato agli archivi. Un insuccesso eloquente che affonda le sue radici in estate quando gli obiettivi prefissati sono stati mal valutati in ottica di costruzione dell'organico.

LA PARTITA. Per la ventunesima giornata del campionato di Lega Pro I divisione partono dalla panchina i neo acquisti Bianchi e Scalise mentre dietro al tandem d'attacco Fofana-Mendicino mister Perrone dà nuovamente fiducia a Foggia. Tre punti da centrare per accorciare il ritardo in ottica play-off. Il tecnico romano si affida nuovamente all'antico e schiera i suoi con un 4-4-2 all'assalto del valido Pontedera del trainer Indiani e della "premiata ditta" Grassi-Arrighini, che galleggia lungo la linea di demarcazione degli sparaggi post season. Squadre che pigiano da subito sull'acceleratore. Al 5' Ricci si distende con la mano destra a deviare una conclusione in area di Mendicino che riceve una sponda aerea di Fofana. Al 6' si distende in ripartenza la Salernitana, assist lungo per Fofana che termina a terra in area di rigore: tutto regolare per il direttore di gara. Il Pontedera si fa vedere con delle conclusioni dalla distanza abbondantemente fuori bersaglio. Vibrante la manovra dei Granata. Al 16' esce dal campo per un infortunio al braccio l'ex Grassi. Al 18' cross dalla destra verso l'area granata: Siniscalchi impatta di testa ed infila il più classico degli autogol anticipando Berardi in uscita per il vantaggio del Pontedera. Il grande movimento di Mendicino e Fofana si perde senza arrecare grossi grattacapi alla retroguardia di casa. Al 23' altro errore clamoroso di Siniscalchi, lancio lungo dalla mediana, Arrighini si beve Siniscalchi che viene messo fuori causa, conclusione di destro e Berardi deve raccogliere nuovamente la palla in fondo al sacco: 2-0 per il Pontedera. I toscani ora spadroneggiano in campo e si destreggiano molto bene tra una Salernitana che appare frantumarsi. Imbarrazzanti i limiti tattici di una squadra svagata e senza identità che si scioglie al cospetto del Pontedera. Al 38' il Pontedera prende di infilata la Salernitana, cross basso a tagliare in due la tremula difesa ospite ed Arrighini va giù sull'uscita di Berardi: ammonizione per simulazione per lui. Al 40' parabola di Mendicio a giro e Ricci deve disimpegnare senza non poche difficoltà su Fofana che tenta di ribattere a rete. Al 43' Foggia, poco oltre il limite dell'area di rigore avversaria, dalla distanza scheggia la traversa. Un giro di lancette dopo, Montervino, dalla destra crossa e Mendicino di testa trova il disimpegno di Ricci. Si va all'intervallo dopo 2' di recupero, da bocciare il primo tempo della Salernitana se si eccettuano i primi minuti di gioco ed alcuni lampi di Mendicino e una traversa di foggia in una squadra in pratica assente dalla contesa, il Pontedera gioca in scioltezza ed affonda le lame della sua manovra nelle prolungate amnesie della truppa di mister Perrone.

Nella ripresa non arriva la reazione della Salernitana, spenta ed abulica. Al 16' punizione calciata dai venti metri da Foggia e traversa centrata in pieno. Gli ospiti giochicchiano e non danno mai l'impressione di voler tentare di agguantare l'avversario, avanti di due reti. Al 24' Montervino crossa basso al centro, spazza Ricci, Foggia va incontro alla palla e calcia di prima intenzione in rete: Gonnelli intercetta con la gamba destra in spaccata. Al 28' Berardi salva su Settembrini che a tu per tu si fa ribattere il tiro. Passeggiano i Granata in campo, vagano senza costrutto, presenti in campo senza idee e senza muscoli. Il coach Perrone, seppur tardivamente, tenta di scuotere i suoi mandando in campo Ginestra, Bianchi e Gustavo per Fofana, Tuia e Piva. Il tutto senza sortire effetti. Se potesse, sostituirebbe tutti ed undici i suoi giocatori. Al 39' tiro di Bartolomei da fuori area che impegna Berardi. Al triplice fischio finalmente si tolgono gli occhi da una indecorosa prestazione dei Granata, il Pontedera ringrazia l'assoluta inesistenza degli avversari e conquista una vittoria per 2-0.

Il tebellino della gara

PONTEDERA (3-5-1-1): Ricci; Regoli, Pastore, Pezzi, Gonnelli, Verruschi, Bartolomei (dal 42' st Vettori), Caponi, Arrighini, Grass (dal 16' Picone), Settembrini (dal 35' st Di Noia). A disp: Addario, Galli, Gasbarro, Romiti. All. Indiani.

SALERNITANA (4-4-2): Berardi; Luciani, Siniscalchi, Tuia (dal 25' st Bianchi), Piva (dal 28' Gustavo); Montervino, Perpetuini, Mancini, Foggia; Fofana (dal 19' st Ginestra), Mendicino. A disp: Iannarilli, Scalise, Capua, Mounard. All: Perrone.

Marcatori: 18' pt aut. Siniscalchi (P), 23' pt Arrighini (P)

Note: pomeriggio freddo, spettatori 1000 circa con un centinaio di fede granata che abbandonano gli spalti a 10' dal termine.  Ammoniti: Arrighini (P), Fofana (S), Piva (S), Pepetuini (S). Angoli: 3-3. Recuperi: 2' pt - 4' st.

Arbitro: Pezzuto di Lecce (ass.: Atta Alla - De Filippis)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontedera-Salernitana, 2-0: bocciatura senza appello per i Granata

SalernoToday è in caricamento