Salernitana sconfitta nel derby, la voce dei tifosi: "Benevento più forte"

I supporter granata hanno commentato la battuta d'arresto della squadra allenata da Gian Piero Ventura, lunedì sera nel derby, al cospetto di 18mila spettatori

foto Guglielmo Gambardella

"I numeri certificano la supremazia del Benevento, che ha prima vinto a centrocampo e poi ha fatto sua la partita. Troppo forte, al momento, per questa Salernitana che ha bisogno di crescere e di ritrovarsi". Così i tifosi hanno commentato la sconfitta dei granata, lunedì sera nel derby, al cospetto di 18mila spettatori.

Le reazioni

Il commento del tifoso Ciro Troise: "Sconfitta che ci fa rimettere i piedi per terra. Attacco da completare, manca il bomber, c'è poco da fare. E poi Odjer non può sostituire Akpa Akpro. Contro il Benevento in serie C fece una delle migliori partite ma correndo per Moro (meno male che lo presero…)". "La Bersagliera non è una squadra triste ed è già questo una notizia positiva. Purtroppo i singoli hanno fatto la differenza. Parliamoci chiaro il Benevento è squadra da promozione diretta - dice Mimmo Rinaldi -. Fa male perchè abbiamo perso il derby e lo abbiamo perso in casa ma la Salernitana c'è e farà un campionato diverso rispetto agli ultimi 4 anni". Mario De Rogatis: "Paradossale: organizzare la giornata granata per non vedere un tiro in porta. Sebbene abbiamo perso contro la squadra più attrezzata del campionato, la Salernitana è apparsa inconsistente, lenta a centrocampo, con gli automatismi difensivi da rivedere. Tranne Kyine, nessun granata ha raggiunto la sufficienza". Ecco Paolo Toscano: "Confermata la prestazione di Cosenza. Il Benevento si è dimostrato squadra molto più forte: superiore tecnicamente e fisicamente. Il nostro centrocampo è stato praticamente inesistente. Tuttavia non disperiamo e guardiamo al futuro con ottimismo". Questa l'opinione di Fabio Fruggiero: "Ho visto una squadra molto forte .... molto forte giocare contro una Salernitana compatta (finché ha potuto) con evidenti margini di miglioramento ma ancora molto immatura e con parziali trame di gioco. Ho visto una tifoseria (la nostra) che non è più quella di una volta. Ho visto il Benevento stravincere sul campo e in curva. Quest’anno mi aspetto di lottare e magari arrivare a ridosso delle più forti, una delle quali è sicuramente il Benevento". "Passo indietro per i granata - spiega Michele Di Martino - con 18mila spettatori si ci aspettava qualcosa di più...ma giocavamo sempre col Benevento. Non bisogna abbattersi, abbiamo un campionato intero per giudicare e per toglierci qualche soddisfazione". Giuseppe Spina: "Salernitana spenta e confusa con le "ali tarpate", tanti passaggi all'indietro, non un tiro in porta, sembrava la continuazione della partita con il Cosenza. Ragazzi almeno la grinta".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento