Venerdì, 30 Luglio 2021
Sport

La Salernitana in A, parla Gravina: "La vendita entro sei mesi"

Il presidente della Federcalcio avverte: "Staremo attenti e vigili ad evitare concretamente che ci siano influenze. La Salernitana deve essere ceduta entro 6 mesi, attraverso i trustee"

La Salernitana in Serie A potrebbe giocare in uno stadio pieno. "Noi abbiamo recepito la richiesta della Lega Serie A - dice il presidente della Federcalcio, Gravina - e ho chiesto al sottosegretario Vezzali se sarà possibile procedere in questo modo". Sulla Salernitana, parole chiare di Gravina: "Valutazione prodromica, nessuna valutazione politica né guerra personale. Poiché non ci intendiamo sul tema della multiproprietà e sulla necessità di vendere o non vedere, poiché siamo andati sempre in deroga e si parla di diritto acquisto e questo aspetto lo valuteremo nel tempo, annuncio che è mia intenzione nella prossima riunione del Consiglio federale è sua intenzione proporre una norma che disciplini la multiproprietà anche per le situazioni pregresse, individuando un tempo congruo entro il quale adeguarsi. Staremo attenti e vigili ad evitare concretamente che ci siano influenze. La Salernitana deve essere ceduta entro 6 mesi, attraverso i trustee. Se non avviene, la  Salernitana è fuori. La Salernitana può essere ceduta da domattina, deve essere sul mercato, anzi per noi doveva essere già ceduta. Il Benevento sul piede di guerra? Per cultura non tempo, il Benevento ha mandato diffusa con richiesta di accesso agli atti, che non sarà negata. Noi abbiamo privilegiato il merito sportivo nel rispetto delle norme. Il Benevento ha tutto il diritto di chiedere verifiche". 

Il futuro granata

Gravina parla anche dalle notti magiche e della Nazionale di calcio, prima di nuove puntualizzazioni sulla Salernitana: "Cuore, anima e coraggio per arrivare ad essere elemento di unità per il nostro Paese. Il calcio della nostra Nazionale è l'effetto del Rinascimento calcistico. Oggi ci siamo e viviamo, si respira un clima diverso grazie alla squadra. La nostra classe dirigente al momento è distratta e non ha capito che bisogna indicare nuovi orizzonti. Chi si alza per primo la mattina dice che il campionato parte a dicembre e altri a luglio. L'ho detto in Consiglio Federale: mi sono adeguato alla richiesta della Lega di Serie A che ha chiesto una partecipazione totale di pubblico. Mi dispiace, però, che in questi momenti il sistema appaia come non unito. Invece è granitico". La Lega di A ha fissato un ultimatum: stadio pieno per intero oppure non si parte. "Sarà oggetto di valutazione del Cts - ha detto Gravina - Temiamo che si parta al 100% della capienza e che poi dopo 20 giorni si torni indietro. Non entro nel merito". La Salernitana ed i vincoli con la Lazio: "Devono essere due entità separate. Lo sanno i soggetti interessati che hanno fatto dichiarazioni di indipendenza. Se non accadrà, interverranno i soggetti competenti e se non ci sarà vendita entro sei mesi, la Salernitana sarà esclusa. Il primo trust non avremmo potuto accettarlo: c'erano sfumature che richiedevano da parte nostra maggiore rigidità"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Salernitana in A, parla Gravina: "La vendita entro sei mesi"

SalernoToday è in caricamento