menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Massimo Pica (repertorio)

Foto di Massimo Pica (repertorio)

Salernitana-Matera, 0-1: Diop gela l'Arechi al 94'. Il Benevento ringrazia

La sconfitta che non ci si aspetta. Gioca male la Salernitana, tutt'altro che con furore agonistico. Quando lo 0-0 sembra cosa fatta, il gol ospite a tempo scaduto è un pugno in pieno viso

Non arrembante, macchinosa e a tratti leziosa. Sta, comunque, per essere 0-0 per la Salernitana contro un Matera che costringe i dirimpettai a nessun tipo di supremazia. All'ultimo dei quattro minuti di recupero, con i Granata già mentalmente negli spogliatoi, arriva il colpo di testa al curaro di Diop che regala altri tre punti benedetti agli ospiti nel solco della lotta play-off e che costa caro ai padroni di casa, agganciati in vetta dal Benevento a quota sessantaquattro. Gode la truppa del trainer Auteri, il quale negli ultimi tre confronti con il collega Menichini, stasera autore di scelte assolutamente non condivsibili, era uscito sempre sconfitto.

LA PARTITA. Posticipo della trentesima giornata di campionato di Lega Pro girone C. Nel discorso a due col Benevento per la vittoria del torneo, stasera i Granata devono vincere per ristabilire a +3 le distanze sopra i rivali sanniti. Una prova di forza nella mente e nei muscoli per Pestrin e soci contro un Matera insidioso ed in vena di conquistare punti importanti nel solco della cavalcata play-off. L'Arechi è un turbinio di calore ed entusiasmo, sul perfetto manto verde la Salernitana va dal 1' sistemandosi col 4-3-3 in cui Trevisan parte dalla panchina e lascia spazio a Tuia al centro del pacchetto arretrato, laddove Bocchetti la spunta su Franco per il presidio dell'out sinistro. Stante l'assenza di gabionetta per squalifica, bomber Calil fuga le incertezze della vigilia intorno a lui e si va a sistemare in attacco tra Nalini e Negro, quest'ultimo finalmente al top della forma. Moro, Pestrin e Favasuli sono il premiato trio di centrocampo ed hanno il compito di bloccare le fonti di gioco del dinamico schieramento del Matera, in cui spicca il terzetto offensivo Carretta-Albadoro-Letizia. Assenti Di Noia e il miglior realizzatore Madonia. Prima del fischio d'inizio, viene offerta una targa a Ciro De Franco, difensore ospite, che, nella gara di andata, fu il primo a soccorrere provvidenzialmente Ettore Mendicino, rimasto privo di sensi dopo un colpo al capo in una fase di gioco.

Un tiro di Moro per i padroni di casa, terminato fuori, ed un'incursione insidiosa del Matera, sventata da Gori con un'uscita fuori area, aprono le ostilità. Al 19' Tuia respinge un forte tiro di Carretta, destinato ad indirizzarsi verso lo specchio della porta. Ingolfate le trame di gioco su ambo i fronti, con ripetuti errori di impostazione. Al 21' Letizia va in velocità e scocca, dai trenta metri, una conclusione destinata all'incorcio dei pali, Gori con la punta delle dita devìa in corner. I Biancazzurri incominciano a farsi preferire ai Granata che, al 24', con Nalini vanno al cross, Negro non aggancia a pochi passi da Bifulco. Il Matera è più insidioso di una Salernitana tendenzialmente abulica, al 33' Carretta conclude malamente fuori da buona posizione. Un giro di lancette dopo, Favasuli batte una punizione, Negro prolunga la traiettoria, ma quando Bocchetti corregge a rete è in posizione di off-side. Le folate offensive della truppa di mister Auteri non si concretizzano perchè il portatore di palla non è assistito dagli esterni, i Granata giocano solo a sprazzi, al 42' un tiro di Pestrin dalla distanza termina a lato. Al 44', sugli sviluppi di un tiro della bandierina, gli ospiti sfiorano il gol con Mucciante che, a ridosso della linea di porta avversaria, non controlla a dovere e la palla carambola fuori. Al termine di una prima frazione per nulla avvincente è 0-0 tra le due squadre.

Ripresa, ritmi compassati con qualche isolata accellerazione a correnti alternate. Al 12' Nalini va su punizione, comoda la presa di Bifulco. 5' a seguire ci prova su punizione, controlla Gori. Da sbadigli questo abbrivo di secondo tempo, Diop si inserisce bene su un tiro d'angolo e fa venire i brividi agli avversari e agli oltre dodicimila tifosi granata sulle scalee dell'Arechi. Sul capovolgimento di fronte, la combinazione Nalini-Mendicino mette quest'ultimo, subentrato a inizio ripresa a Calil, in condizione di tirare, senza esiti. Al 28' Negro per Mendicino, che non aggancia. Al 29' Moro conclude, deviazione di un avversario e palla che termina tra le braccia di Bifulco; poco dopo Coletti dai 35 metri chiama Gori alla presa. Ma sono solo sparuti e timidi sussulti che non ridestano questa seconda frazione da un certo torpore. Ci prova Moro al 36', ma la palla termina debolmente a lato. Al 39' Negro tira al volo, deviazione di un giocatore biancazzurro e palla sul fondo. Al 49' accade quello che non ti aspetti. Quando non si attende altro che il triplice fischio, la fiammata, insperata, che rompe l'equilibrio e decide l'incontro è del Matera: palla recuperata su corner di Nalini, Mazzarani crossa dalla sinistra, all'esito di un'azione d'attacco non troppo convinta, e Diop, tutto solo, di testa spedisce la palla laddove Gori, passivamente, la vede insaccarsi. Sconfitta bruciante per la Salernitana che perde all'ultimo istante la partita, giocata piuttosto male, e il primato solitario con l'immediato aggancio da parte del Benevento.

Il tabellino della gara

SALERNITANA (4-3-3): Gori; Colombo (dal 16'st Trevisan), Lanzaro, Tuia, Bocchetti; Moro, Pestrin, Favasuli (dal 37'st Franco); Nalini, Calil (1'st Mendicino), Negro. A disp: S. Russo, Tagliavacche, Bovo, Cristea, Mendicino. All.: Menichini.

MATERA (3-4-3): Bifulco; Mucciante, De Franco, D’Aiello; Ferretti, Iannini, Coletti, Mazzarani; Carretta (dal 45'st Faisca), Albadoro (dal 6'st Diop), Letizia (dal 24'st Pagliarini). A disp: G. Russo, Ashong, Bernardi, Faisca, Flores. All.: Auteri.

Arbitro: Guccini di Albano Laziale (ass.: Pellegrini-Loni)

Note: serata fresca, campo in perfette condizioni. Spettatori 12572 di cui 200 circa giunti dalla Basilicata. Osservato 1' di raccoglimento per ricordare il giornalista salernitano Zaccaria Tartarone, scomparso alcuni giorni fa. Ammoniti: Mazzarani (M), D'Aiello (M), Mucciante (M), Colombo (S), Favasuli (S), Diop (M). Angoli: 4-6.  Recuperi:0'pt-4'st.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Lotto tecnico: nuove vincite per i lettori, i numeri

  • social

    Lotteria degli scontrini: i codici della seconda estrazione

  • social

    Prignano Cilento, dopo 50 anni ritorna l'aquila sul Monumento ai Caduti

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento