Lunedì, 17 Maggio 2021
Sport Stadio Arechi

Salernitana-Melfi: 0-0, San Piergraziano Gori salva i Granata

La squadra di mister Menichini sotto i colpi dei Gialloblù. L'estremo difensore di casa para di tutto e nega agli ospiti un successo che sarebbe stato meritato

Male stavolta la Salernitana nello 0-0 col quale ha chiuso la gara. Brutto il primo tempo, come quasi da consuetudine. Nella ripresa mostra qualcosina in più ma nel match dell'Arechi è il Melfi a fare la parte del leone con intensità, fiato, velocità ed organizzazione. Solo grazie a Gori, miracoloso in almeno sei circostanze su un'infinità di palloni scagliati verso la sua porta, i Granata scongiurano una battuta d'arresto che sarebbe stata strameritata. Doveva essere vittoria senza se e senza ma, alla fine, è un pareggio che sta molto stretto agli ospiti e che è un punto guadagnato per la truppa del trainer Menichini.

LA PARTITA. Bisogna centrare il filotto di cinque vittorie per non mollare il primato in solitaria: vincere aiuta a vincere, a tenere sullo sfondo le difficoltà e a creare uno scenario di salutare entusiasmo. All'Arechi la Salernitana ha la possibilità di centrare la quinta vittoria consecutiva nell'arco di un calendario benevolo nel primo scorcio del campionato. Ma guai ad abbassare la guardia, il molto meno quotato Melfi di mister Bitetto, impelagato dalla camicia di Nesso della zona retrocessione con soli tre punti, è pur sempre compagine imbattuta in trasferta. Mister Menichini attinge a piene mani dal fecondo serbatoio della sua rosa e schiera, per ovvi motivi di gestione di risorse psico-fisiche, Bianchi sull'out destro della linea di difesa ed arretra Pezzella su quella sinistra. Pestrin va a tirare il fiato in panca ed al suo posto va a piazzarsi Giandonato, in tandem con Favasuli,  nella zona circoscritta tra a retroguardia e la trequarti. Negro si accomoda in panchina e nel terzetto alle spalle dell'unica punta Ginestra c'è spazio, da sinistra verso destra, per Mounard, Calil e Nalini. Ancora sulla via del recupero Gabionetta e Mendicino. I numeri dicono che un Melfi giovanissimo - quasi la totalità della truppa è nata  negli anni 90 - e tremebondo dovrebbe soccombere, ma nel calcio nulla è scontato. Tra gli ospiti Spezzani, Tundo ed Agnello hanno il compito di rifornire la coppia  Caturano-Tortori e coprire la retroguardia che ha in Dermaku e De Filippo la coppia centrale.

Mounard apre immediatamente le danze, andando al tiro per la comoda presa di Perina. Al 5' anche il Melfi si va vedere dalle parti dell'area avversaria, tiro-cross di Tortori e Gori blocca in presa alta. Ci riprovano i lucani all'8', stavolta molto più minacciosi: recupero di palla sulla trequarti, duetto Tortori-Caturano e Gori esce alla disperata ribattendo in angolo la conclusione di quest'ultimo. Serio pericolo per la Salernitana. Egregia la manovra dei ragazzi di mister Bitetto, la Salernitana perde i bollenti spiriti manifestati in avvio. Al 15' è gia sostituzione tra le fila dei Granata, fuori Trevisan, infortunato, e dentro Castiglia. Subito dopo punizione tagliente da parte degli ospiti, pugni di Gori. Gioca bene il Melfi, la Salernitana ha difficoltà in mediana nella costruzione, gli ospiti ne approfittano e puntano diritti verso la porta granata. Al 25' azione prolungata dei Gialloverdi sulla quale la Salernitana pare a stare a guardare: la conclusione di destro di Tortori è bloccata dall'estremo difensore di casa sulla linea di porta. Un giro di lancette dopo altra palla gol per il Melfi, sugli sviluppi di una punizione Fella raccoglie in area e crossa basso a tagliare, Tortori per poco non arriva a castigare la Salernitana. Al 29' Tortori, ben lanciato, dal limite dell'area scarica il destro, trovando ancora una volta i guantoni di Gori. Un Melfi smagliante mette quasi alle corde la Salernitana, spaurita e rinunciataria. Solo al 41' i granata tentano l'offesa verso l'area di rigore avversaria, il lancio sul secondo palo di Nalini dalla destra crea qualche apprensione agli ospiti ma non trova niente di più di un calcio d'angolo. E' ancora Tortori, allo scadere del tempo regolamentare a sfilare tra le maglie granata e ad andare al tiro. Gori para ancora una volta. Al 2' di recupero, gioco di gambe di fella ed ancora Gori sbroglia. Al termine del primo tempo è 0-0. Salernitana brutta e senza idee, come è lo è stata in quasi tutte le prime frazioni delle precedenti gare, il Melfi spadroneggia e va seriamente vicino al gol in più circostanze, laddove Gori è risolutivo nel tenere in piedi i suoi.

Nella ripresa il coach Menichini tenta di dare più nerbo ai suoi con Pestrin al posto di Mounard. I Gialloblù in avvio sciupano una colossale palla gol: Fella recupara una sfera che sembrava persa e serve Agnello che da buonissima posizione spara alle stelle. Non ha gamba nè costrutto la Salernitana che protesta al 5' per un dubbio fallo in area su Calil. I Granata ci provano con Ginestra, Perina blocca in due tempi. Incomincia, seppur tardivamente, a macinare gioco la Salernitana, spinta dai suoi sostenitori. Al 9' ancora Gori si erge a salvatore: parata pregevole su tiro di Fella. Il match sempre più vibrante, stavolta la Salernitana cerca di rispondere alle insidiose folate offensive degli avversari. Al 15' sponda a girare di petto di Calil e Giandonato, appena fuori dall'area, calcia a lato di molto poco. Al 19' Negro subentra a Giandonato, le tenta tutte Menichini ma il Melfi corre e ragiona. Al 26', su tiro di Agnello, stavolta Gori non è impeccabile nella respinta, palla a Tortori che manda in orbita una conclusione che attende di essere spinta solo in porta. Il Melfi attacca incessantemente, tambureggiante la sua manovra e al 31', sugli sviluppi di un corner, il colpo di testa di Pinna trova la grande opposizione di Gori, il quale è ancora prodigioso, appena 1' a seguire, su tiro dalla distanza di Giacomarro. Applausi per gli ospiti che collezionano palle gol a grappoli, la Salernitana è stordita e solo grazie ai provvidenziali interventi del suo portiere non capitola. A 3' dallo scadere del tempo regolamentare Negro tenta dalla distanza un'improbabile conclusione, l'emblema del pomeriggio granata: gli ospiti creano, difendono bene, mettono in serie occasioni da rete in quantità industriale mentre i Granata si affidano a sporadiche iniziative del singolo. Sul finale Nalini e Negro tentano di scardinare l'arcigna retroguardia gialloblù, ma nulla da fare. Ha fiato da vendere il Melfi che attacca fino all'ultimo respiro. In "zona granata" non succede nulla, stavolta. 0-0 il finale. E' un pomeriggio loffio per la capolista, senza mordente e dominata da un Melfi che colleziona ben nove palle gol nitide: su sei di esse è strepitoso Gori nel far sì che la Salernitana eviti una sonora sconfitta.

Il tabellino della gara

SALERNITANA (4-2-3-1): Gori, Bianchi, Lanzaro, Trevisan, Pezzella; Giandonato (dal 19'st Negro), Favasuli; Mounard (dal 1'st Pestrin), Calil, Nalini; Ginestra. A disp.: Russo, Grillo, Svonja, Volpe. All.: Menichini

MELFI (4-3-1-2): Perina, Di Filippo, Amelio, Dermaku, Pinna; Spezzani, Fella (dal 28'st Giacomarro), Agnello; Caturano; Berardino (dal 45'st Tundo), Tortori. A disp: Gagliardini, Colella, Annoni, Campagna, Libutti. All. Bitetto

?Arbitro: Giuia della sez. di Pisa (ass.: Lanotte - Stasi)

Note: cielo coperto, sole a tratti, manto di gioco in ottime condizioni. Spettatori 7857 con un paio giunto da Melfi. Ammoniti: Giandonato (S), Spezzani (M), Di Filippo (M), Bianchi (S), Lanzaro (S),  Pinna (M), Tortori (M). Angoli: 3-7. Recuperi: 2'pt - 5' st.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salernitana-Melfi: 0-0, San Piergraziano Gori salva i Granata

SalernoToday è in caricamento