menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'esultanza di Gondo dopo il gol, foto Gambardella

L'esultanza di Gondo dopo il gol, foto Gambardella

Il Monza sbanca l'Arechi con Balotelli: Salernitana ko, la cronaca della partita

I granata si fanno male da soli e servono al Monza i gol - il provvisorio 0-1, poi l'1-2 e il definitivo 1-3- che consentono ai brianzoli di passare all'incasso

Più nervosa che carica: Castori probabilmente definirebbe così la sua Salernitana, che ha dovuto lasciare alle cure di Bocchini. Più nervosa che carica (anche come contesto che ruota intorno ai calciatori) al punto da farsi male da sola. Al cospetto di Lotito, Mezzaroma e Galliani, i granata fanno harakiri all'Arechi servono al Monza i due gol - il provvisorio 0-1, poi l'1-2 e il definitivo 1-3 - che consentono ai brianzoli di passare all'incasso. Apre Frattesi, rimedia Gondo, poi risolve SuperMario Balotelli. In mezzo, ci sono due palle gol della Salernitana generosa ma non sempre lucida. Una squadra di lottatori che ha, però, anche diritto di recriminare, perché pronti, via l'arbitro non assegna il calcio di rigore per fallo in area su Gondo. Adesso è tutto aperto in ottica secondo posto, perché il Monza va a -3 dal Lecce con lo scontro diretto a disposizione. A fine partita, la decisione del club granata, filtrata dall'ufficio stampa: "Per evitare polemiche, non parlerà nessuno nel post-gara".

La tattica

Non c'è Coulibaly dal 1': Bocchini, che sostituisce Castori assente per Covid, schiera Capezzi con Di Tacchio e Kiyine. Tutino e Gondo coppia d'attacco, in difesa i dioscuri Bogdan, Gyomber e Veseli, Jaroszynski e Casasola sono "qiuinti". Il Monza, orfano di 8 giocatori molti dei quali titolari, opta per il modulo a specchio: solo panchina per Balotelli, in attacco Diaw fa coppia con Mota Carvalho.

Recriminazioni e prodigio granata

Subito proteste al 3': Tutino sfonda a destra, assist per Gondo che è agganciato in area da Frattesi. Per l'arbitro Abbattista (nella partita del Var offline e alla presenza di Rocchi), è tutto regolare. Dopo una ulteriore valutazione dubbia del direttore di gara - Bogdan spostato, ma il fischietto opta per il contatto spalla contro spalla - il Monza guadagna una serie di calci d'angolo e da un corner nasce la grande occasione e la grande parata di Belec, che prolunga sull'incrocio dei pali il tiro velenoso di Sampirisi al 12'.

Le palle gol

La Salernitana replica al 19': Kiyine agisce quasi da regista e serve Capezzi in corridoio. Ci sarebbe Gondo libero a destra, ma il centrocampista sceglie di tirare: debole e centrale. Ben indirizzata, invece, l'inzuccata in torsione di Gondo al 27', su cross di Casasola: pallone alto di mezzo metro. I granata giocano con Kiyine tra le linee, per cercare l'imbucata. Invertono anche i centrali di difesa: Veseli a destra e Bogdan alla sinistra di Gyomber. Al 43' c'è un nuovo sussulto: Kiyine in posizione di mezzo sinistro fionda verso la porta del Monza. Il tiro è deviato da Paletta, poi ci arriva Di Gregorio con un riflesso.

La frittata e la reazione rabbiosa

Al 4' della ripresa, mentre arrivano notizie confortanti da Lecce perché il Cittadella è in vantaggio, la Salernitana confeziona un'autentica fritta. Di Tacchio pare in controllo e Gyomber prova nel frattempo a spazzare. I due giocatori si scontrano e si spalanca la prateria per Frattesi che non perdona. Neppure il tempo di disperarsi che la Salernitana rimonta. Capezzi gioca da numero 10 e inventa un assist sontuoso per Gondo che attende l'uscita del portiere e lo scavalca con un morbido lob: 1-1 al 6'.

L'ispiratore e il centravanti

Capezzi è la luce, Kiyine inventa a tratti ma soprattutto Gondo si muove da ispirato centravanti. Con queste armi e questi protagonisti la Salernitana prova a piazzare il sorpasso. Kiyine disegna ancora un paio di assist per Gondo che tenta il colpo di testa decisivo e poi difende in area il pallone per il dai e vai con il compagno marocchino, che non trova il tempo giusto per la battuta di punta, anticipando il difensore. Tra il 25' e il 26', due emozioni: Gondo spalanca praterie per Tutino che però decide di convergere sul destro e viene murato da Paletta; sul capovolgimento di fronte, Diaw scappa via in contropiede, Veseli lo ferma con un fallo al limite dell'area, poi la barriera ribatte il calcio di punizione. Al 30' Belec diventa un muro: la mano sinistra si allunga per respingere la conclusione acrobatica di Frattesi, che ha spazio (troppo) e tempo per stoppare di petto e battere a rete, smarcato dal cross di Carlos Augusto.

Le zampate di Balotelli

Al 36' il Monza beneficia di un calcio di punizione per fallo di Casasola. Bocchini in contemporanea rinforza il centrocampo (Coulibaly, fuori Kiyine) e sostituisce Jaroszynski con Kupisz. La parabola è velenosa ma non impossibile. Belec è sorpreso, smanaccia ma il pallone finisce sulle zolle di SuperMario Balotelli che in tap-in fa 1-2. Poi si scatena il parapiglia nei pressi della bandierina: espulso un collaboratore tecnico della Salernitana. Chiude i conti ancora Balotelli al 91'.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento