menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Massimo Pica (repertorio)

Foto di Massimo Pica (repertorio)

Paganese-Salernitana: le pagelle granata. Moro onnipresente. Cristea e Perrulli ok

Supremazia evidente, solidità ed errori in zona gol. I Granata marciano a ritmi da record: 73 punti in graduatoria, sesta vittoria consecutiva fuori casa e difesa bunker

GORI 6: Pomeriggio tendenzialmente tranquillo. In avvio di gara, in uscita, chiude efficacemente lo specchio della porta a Deli e lo costringe a calciare a lato. Nel 2015 ha subito appena due gol;

COLOMBO 6,5: Ordinato e diligente. Entra nel giallo della rete annullata sul finire della prima frazione. Quando tocca la palla, questa  ha già varcato la linea della porta: erronea la decisione arbitrale, dunque;

LANZARO 6,5: La Paganese ha bollenti spiriti solamente nella fase iniziale della partita. Consueto muro difensivo;

TUIA 6,5: Elegante e deciso nei disimpegni. Gregario di lusso;

FRANCO 6,5: gioca stringendo i denti. Viene fuori alla distanza. Suo il cross che manda in tilt Malaccari per l'autogol del vantaggio granata;

BOVO 6: lavora sottotraccia, agevolato dalla superba prestazione del compagno di reparto Moro;

MORO 7,5: Nel cuore della mediana, nel mezzo della spina dorsale dell'assetto granata ci mette cuore e fosforo. Crocevia di ogni fonte di gioco della squadra. Recupera palloni e calibra rilanci. Autentico top-player per la categoria. Una sola palla persa sul finale. Gigantesco;

FAVASULI 4,5: Fa venire le coliche epatiche a guardarlo, quest'oggi. Stanco e svagato, non ne becca una e ne perde molte. Ha bisogno di mordere il freno (dall'11'st PERRULLI 6,5: una scarica di adrenalina il suo ingresso in corso d'opera. Buoni movimenti a cercare la profondità);

GABIONETTA 5: Spento, si accende ogni tanto e si riaddormenta. Qualche affondo al piccolo trotto, qualche giocata timida e null'altro, se non un erroraccio sotto rete sul finale. Può fare molto di più;

CALIL 5: Macroscopicamente involuto. Avulso dalla manovra, è come se passeggiasse passivamente sotto un temporale e non si curi di trovar riparo (dal 17'st CRISTEA 6,5: dà sostanza ad un reparto che fa poco per essere pericoloso e sciupa. Il ragazzo è l'arma in più in queste ultime cinque partite della regular season);

NEGRO 6: Al calor bianco la sua performance. Ma, sicuramente, in mezzo agli abulici brasiliani, si distingue in fase offensiva (dal 32'st MENDICINO 5: Poco pù di 15' di partita per lui, comunque indicativi del fatto che è in fase negativa per reattività e vena realizzativa. Si veda quello che fa  poco prima del finale, in coppia con Gabionetta, sul lancio chirurgico di Moro);

MENICHINI 7: di questo passo, straccerà il record del Bologna che, alla metà degli anni '90, trionfò con ben 81 punti in terza serie. Già battuta la mitica Salernitana di Delio Rossi di quegli anni, che volò in B con 72 punti. Applausi per il trainer di Ponsacco. La squadra non gli regala una sonora vittoria solo perchè l'arbitro annulla ingiustamente ai suoi una rete e perchè tre dei suoi attaccanti hanno la luna a dir poco storta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento