I rimpianti della Salernitana, la voce dei tifosi: "Cercasi Cerci e bomber"

I tifosi analizzano il match e nel mirino della critica finiscono anche le scelte dell'allenatore, compresi i cambi. Fa riflettere anche l'impatto che Cerci ha avuto sulla partita e c'è chi rimpiange l'assenza di un bomber

Foto di Guglielmo Gambardella

Pari e rimpianti: allo stadio Arechi diventato tabù, la Salernitana si fa raggiungere dal Perugia allo scadere e fallisce di nuovo l'assalto al primo posto. I tifosi analizzano il match e nel mirino della critica finiscono anche le scelte dell'allenatore, compresi i cambi. Fa riflettere anche l'impatto che Cerci ha avuto sulla partita e c'è chi rimpiange l'assenza di un bomber.

La voce dei tifosi

Mario De Rogatis: "Oggi la delusione è troppo grande, più della partita col Frosinone. Purtroppo ci accontentiamo sempre del risicato vantaggio e veniamo puniti, meritatamente, nel finale. In questo campionato, appiattito verso una costante mediocrità, può accadere davvero di tutto. Lì davanti ci vuole un bomber esperto che chiuda le gare, solo 4 gol del reparto offensivo, di cui 3 nella prima giornata, è un fattore preoccupante. Spero che la proprietà intervenga nel mercato di riparazione di gennaio". L'analisi di Antonio Positano: "I cambi hanno fatto la differenza, Cerci secondo me è un ex giocatore e per scaramanzia non lo farei più entrare visto cosa succede quando entra. Secondo me questa è la nostra dimensione". Paolo Toscano: "Pareggio giusto ma amaro e beffardo. Tuttavia occorre essere onesti: la Salernitana ha avuto un atteggiamento rinunciatario. Sul piano fisico non abbiamo retto ed i cambi, ad eccezione per Maistro, non hanno dato il contributo sperato. A questo punto credo che non si possa solo attribuire ciò ai tanti infortuni, che pure incidono, ma è anche ad una questione di mentalità". Mimmo Rinaldi osserva: "Continuiamo a fare il compitino. La gente che dice che la squadra gioca bene credo che confonda il possesso palla e il giocar bene a calcio. Le due cose vanno molte volte di pari passo. Non nel nostro caso. Il nostro è un possesso palla sterile. Continuiamo a non cambiare passo. L'unico che riesce a fare qualcosa è Akpa Akpro e sappiamo che i suoi muscoli lo fanno essere discontinuo in gettoni di presenza. Come dico sempre in questi casi prendi e porta a casa ma dovremmo iniziare a porci una domanda: cosa vogliamo fare da grandi?". Giuseppe Spina: "Salernitana a fari spenti che non vede la porta, salvata dal solo Micai". Ciro Troise: "Un vero peccato. Tre punti senza quasi mai tirare non capita tutti i giorni. Purtroppo le gare durano novanta minuti". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento