rotate-mobile
Sport

Salernitana, tanti auguri: novantacinque primavere e non sentirle

Ricorre oggi l'anniversario della nascita dell'U.S. Salernitana 1919, storia di una ardente passione e di un mitico vessillo. Pizzoferrato non ospiterà più i Granata per il ritiro estivo

Tanti calorosi auguri, Salernitana! Bella come non mai al compimento del novantacinquesimo anno di vita. Tanti sono gli anni trascorsi da quando, al civico 167 di Corso Umberto ( oggi via Mercanti), il 19 giugno 1919, prendeva vita la fiamma che da quasi un secolo sta facendo ardere il cuore e gli animi di innumerevoli generazioni di tifosi. Alterne fortune per il mitico Cavalluccio, ma sempre dal sapore di leggenda da tramandare ai posteri. Tanta serie C, diversi campionati in Serie b e due apparizioni in Serie A. Storia di un amore senza fine per la gente di Salerno e non, di battaglie sul campo al cardiopalma, di cocenti delusioni, di sogni senza fine e di un simbolo di orgogliosa appartenenza per una comunità sportiva dall'attacacmento senza pari. Novantacinque anni a scandire, palpito dopo palpito, le giornate di un popolo sempre fiero ed innamorato di lei, croce e delizia nel cuore e nella mente: Salernitana. Auguri di nuovo, auguri di lunga vita di intense emozioni.

Emozioni che la Salernitana si accinge a regalare nell'imminente campionato di Lega Pro. Sul fronte ritiro estivo, le ultimissime news riportano che non sarà più la Valle del Sangro, in Abruzzo, il comune di Pizzoferrato per l'esattezza, la località in cui la nascente truppa a disposizione di mister Mario Somma andrà a temprare muscoli e polmoni in vista dell'avvio della nuova avventura agonistica. Toccherà ora alla Media Sport Event - società che si occupa dell'organizzazione del ritiro estivo granata - trovare un'altra sistemazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salernitana, tanti auguri: novantacinque primavere e non sentirle

SalernoToday è in caricamento