rotate-mobile
Sport Stadio Arechi

Salernitana-Viareggio: ora o mai più per i Granata

Per mister Sanderra non ci sono più attenuanti. Urge una vittoria altrimenti per la squadra si tratterebbe di una chiara falsa partenza. Viareggio ancora a secco di successi

Il tempo dei se e dei ma è definitivamente spirato. Le evidenze della classifica implacabilmente parlano di un inizio di campionato quasi deludente per la truppa di patron Claudio Lotito. Il gioco si è visto solo a sprazzi e gli otto punti in classifica in sei apparizioni in campionato ne sono la prova provata: vittoria contro Lecce e Barletta (squadre tutt'ora in palese difficoltà), pareggio a Gubbio ed Ascoli e sconfitta casalinga contro Pontedera e L'Aquila. C'è oggettivamente più di qualcosa che non va. La piazza di Salerno ha salutato con razionale entusiasmo l'inizio di quest'avventura in terza serie, come è naturale che sia stato, ma in campo si è vista sempre una Salernitana che ha stentato, sofferto e non è riuscita ad andare più in là del "semplice compitino" anche quando i limiti tecnici degli avversari (si veda la gara di Barletta) sono sembrati imbarazzanti. Comunque sia, domani all'Arechi è l'ora del perenne appuntamento con la vittoria da non fallire. Già troppe le battute d'arresto, ben tre, fin qui rimediate dai Granata sotto la guida del trainer Sanderra. Arriverà Godot? Vedremo. Fatto sta che il tecnico laziale non potrà contare su Esposito, Molinari e Nalini infortunati, con i primi due messi ko nel tormentoso pomeriggio di Ascoli della scorsa settimana. A guardia della porta è previsto Berardi, leggermente favorito su Iananrilli. La linea a quattro di difesa consterà della coppia centrale Siniscalchi-Tuia con Luciani sulla corsia destra e Piva, salvo valutazioni dell'ultima ora in favore di Rizzi, su quella sinistra. A centrocampo Perpetuini giostrerà al centro con a destra Montervino, in vantaggio su Capua, e Volpe a sinistra. Scelte sicuramente meno scontate per quel che concerne il trittico offensivo. Il volenteroso Gustavo, apparso in debito d'ossigeno, dovrebbe accomodarsi in panca e Ginestra dovrebbe tornare a prendersi una maglia da titolare col compito di interagire, sia in fase di copertura che in quella più spiccatamente offensiva, con Guazzo. Confermato il ruolo di trequartista per Foggia. Mounard, in netto recupero, dovrebbe essere tra i disponibili a subentrare in caso di necessità. Comunque sia, a prescindere da valutazioni su uomini e moduli nonchè dallo stato certamente non ottimale della condizione fisica generale, per la Salernitana domani sarà una sorta di ultima chiamata per dare un senso al suo campionato. 

Sul fronte Viareggio, squadra giovane e con cinque pareggi in sette gare disputate, mister Roberto Miggiano non potrà contare su Geverini e Falasco, squalificati, e sull'infortunato Marongiu. Benedetti, bomber dei toscani, è fuori dai giochi per una contusione alla caviglia rimediata in settimana. A prendere per mano i Bianconeri Ighli Vannucchi, vecchia gloria della trionfale Salernitana della fine degli anni '90.

Le probabili formazioni

SALERNITANA (4-3-1-2): Berardi; Luciani, Siniscalchi, Tuia, Piva; Montervino, Perpetuini, Volpe; Foggia; Ginestra, Guazzo. A disp.: Iannarill, Sbraga,Rizzi, Mounard, Capua, Gustavo, Ricci. All.: S.Sanderra

?VIAREGGIO (3-4-1-2): Gazzoli; Peverelli, Conson, Lamorte; Pizza, Gemignani, Della Latta, Rosafio; Vannucchi; De Vena, Romeo. A disp: Fontanelli, Mancini, Ferrari, Fabiani, Galassi, Pirone, Casarini. All.: R.Miggiano

Arbitro: Di Martino di Teramo (ass.: Bottegoni di Terni e Fraschetti di Perugia).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salernitana-Viareggio: ora o mai più per i Granata

SalernoToday è in caricamento