Salernitana in trasferta a Trapani, Ventura: "Tanti infortuni ma stringiamo i denti e riportiamo"

La Salernitana riparte da Trapani senza Jallow e con Djuric in attacco. A centrocampo, Maistro dovrebbe sostituire Odjer

Gian Piero Ventura

Tanti infortunati, voglia enorme di riscatto. Dopo la sconfitta casalinga contro il Benevento, la Salernitana riparte da Trapani senza Jallow e con Djuric in attacco. A centrocampo, Maistro dovrebbe sostituire Odjer. La squadra partirà domani, 21 settembre, dopo pranzo, in charter da Napoli per Trapani. 

La presentazione

"La delusione per il ko con il Benevento non è per la sconfitta ma per quello che non siamo riusciti a fare, al netto del valore degli avversari e della personalità dei singoli - dice Gian Piero Ventura in conferenza stampa - Dopo aver visto tutto, però, i miei giocatori hanno preso coscienza. Doveva proporci in modo diverso". 

Emergenza

Ventura fa i conti con tanti, troppi infortunati: "Jallow è fermo - dice - e non parte, è un punto interrogativo. Se la botta che ha preso è di proporzione leggera, OK, altrimenti dobbiamo attendere. Non disponibilr come Billong, Lombardi, Akpa Akpro. Mantovani metterei una firma per averlo a novembre. Questo ci dice che una rosa come la nostra può supportare due assenze, non cinque. E' un peccato perché ci sono partite ravvicinate. Quello recuperabile in tempi non lunghissimi è Lombardi. Poi c'è Heurtaux che dopo 12 giorni di semina si può mettere in cammino. Akpa farà esami oggi per vedere se la lesione si è chiusa o no". La lista dell'emergenza viene diffusa poche ore dopo la conferenza di addio di Calaiò. Si interverrà ancora? Ventura risponde così: "Innanzitutto ho detto a Calaiò che ha fatto benissimo. Lo sapevo già. Calaiò al di là dei gol potrà essere utile anche in altri ambiti, perchè lui ha fatto calcio vero. Per quanto riguarda gli innesti, bisogna vedere in che modo migliori, dal momento che si attinge al mercato degli svincolati. Oggettivamente l'attacco era l'unico reparto nel quale eravamo in tanti". 

L'avversario

Via gli alibi e le bende, però, serve una reazione immediata a Trapani: "Giocheremo una partita nella quale il primo coefficiente di difficoltà è il cambiamento della disposizione in campo. L'altro coefficiente sarà il fondo sintetico. Non ci gioco da una vita, dai tempi di Juve Stabia-Torino. Non avevo stress da partita difficile, prima del Benevento, e non ho stress da partita facile, perchè non è così e dipende da noi. Se non vinciamo a Trapani, non è un dramma. Noi stiamo cercando di costruire un percorso lungo: mentalità, professionalità, identità, rispetto reciproco". 

Turnover

Tante partite in più giorni, chance per Maistro: "Può accadere, è assolutamente in grado. Dziczek sta lavorando per capire. Lo stiamo aspettando come Cerci. Quando sará pronto Dziczek, pure Di Tacchio può fare la mezzala, anche se abbiamo fatto un lavoraccio per abituarlo a fare il regista. E' chiaro che l'assenza di Lombardi costringe Cicerelli al tour de force, cosí come per Migliorini perché manca Billong. L'assenza di Akpa Akpro, in questo senso, è pesantissima". Djuric al posto di Jallow: "Ha caratteristiche diverse, va servito diversamente. Jallow attacca la profondità, lui un po' meno. Si impegna, è una piacevole sorpresa per me. Di Gondo invece - l'ho detto davanti a tutti, nello spogliatoio - ho apprezzato che dopo due giorni mi abbia chiesto di ripassare i movimenti. Questo è il primo passo per diventare calciatore". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Ultras Salernitana a lutto: è morto Antonio Liguori

  • Roccadaspide, raccoglie castagne cadute sulla strada: minacciato con un'ascia per il "furto"

  • Settecentomila lettere in partenza dall'Agenzia delle Entrate

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento