Salernitana, Ventura schiera Giannetti a Venezia e cerca un altro campo: "Impossibile allenarsi al Mary Rosy"

Gioca Giannetti con Djuric ed è in corso di valutazione la posizione di Kiyine, che con tutta probabilità sarà schierato quinto a destra, complici il forfait di Cicerelli e i 90' "che mancano nelle gambe di Lombardi e pure in quelle di Jallow", dice Ventura

Bende, cerotti, soluzioni ridotte all'osso per la Salernitana a Venezia. Gioca Giannetti con Djuric ed è in corso di valutazione la posizione di Kiyine, che con tutta probabilità sarà schierato quinto a destra, complici il forfait di Cicerelli e i 90' "che mancano nelle gambe di Lombardi e pure in quelle di Jallow", dice Ventura. Aggiunge: "Dopo la sosta, mi aspetto una risposta importante da parte della squadra. Non c'è bisogno di spronare. Ho interrotto una volta l'allenamento, perché mi sono arrabbiato per il campo. Dobbiamo dare riposo anche al campo, dobbiamo trovare una soluzione alternativa, abbiamo bisogno di fraseggio, è piccolo, corto. Andava bene fino a qualche tempo fa ma ci giochiamo troppo e adesso si è rovinato".

L'analisi

La presentazione di Venezia-Salernitana comincia dalle note dolenti. "La situazione infortunati è rimasta invariata - dice Ventura - Billong e Cicerelli si stanno curando, Cerci ha avuto un intoppo e per questa gara non c'è. Lombardi e Jallow hanno ripreso, sono utilizzabili. Per quanto tempo, adesso vediamo. Questi siamo e questi restiamo".

Le variabili tattiche

La posizione nuova di Kiyine è oggetto di riflessione: "Adesso vediamo, cerchiamo di non depuaperare il patrimonio e le caratteristiche. Stiamo osservando anche alcune note positive. Akpa Akpro si sta allenando e se non è per la prossima settimana, per quella successiva lo avremo. Heurtaux vediamo di fargli fare una partitella con noi e credo che Dziczek si stia avvicinando al momento del debutto. Detto questo, non voglio neppure bruciarlo. Ho trovato Maistro anche maturato dopo la convocazione. Lui non era abituato e ho avuto la sensazione che gli abbia fatto bene. Abbiamo due obiettivi: riportare gente e ottenere un risultato. Dentro questi obiettivi, ci sono quello individuali: non possiamo pretendere che Djuric faccia 25 gol ma che sia disponibile al lavoro e all'aiuto della squadra, cosa che sta facendo. Jallow è diverso da Giannetti e da Djuric. Quando avremo tutti a disposizione, potremo avere rotazioni. In questo momento non possiamo competere con la vena gol di Coda, ad esempio".

L'avversaria

Ventura, ex di turno ("nel '93 ero all'inizio, avevo un sacco di capelli, il ricordo della partita di ritorno di Coppa Italia contro la Juventus con il Sant'Elena pieno che si vedeva dal Lido dove eravamo in ritiro") osserva Il Venezia: "La classica squadra di serie B con intensità e buona organizzazione. Sarà una verifica anche questa. Vedremo se saremo migliorati, verificheremo i nostri mezzi. Di sicuro ci saranno alcuni pezzi di partita nei quali diremo che dovremo migliorare, perché non abbiamo continuità nei novanta minuti e stiamo pagando il fatto che sei, sette giocatori non li abbiamo mai avuti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi concorso Regione Campania: ecco gli idonei alla prima fase

  • Angri, investito da un treno mentre raggiunge il binario: grave studente

  • Incidente in litoranea ad Eboli, auto investe una donna: è morta

  • Travolta da un bus mentre attraversa la strada a Milano: grave maestra salernitana

  • Dramma alla Cittadella: medico stroncato da un infarto, inutili i soccorsi

  • Maltempo a Salerno, cade un grosso albero: disagi a Casa Manzo

Torna su
SalernoToday è in caricamento