Pallanuoto e calciatori granata: aste di beneficenza per sconfiggere il Covid-19

Il salernitano Vincenzo Dolce ha donato alla fondazione Cristiano Tosi la calottina dei Mondiali di Wangju. I calciatori Capezzi, Di Tacchio e Giannetti si sono uniti a Lopez: maglie donate per le aste di beneficenza

Vincenzo Dolce, campione salernitano di pallanuoto, medaglia d'oro ai Mondiali di Wangju in Cina, nel 2019, ha donato la calottina della finale per raccogliere fondi da destinare alla partita più importante. "Lottiamo insieme contro il coronavirus", ha detto. La sua calottina è adesso non solo un cimelio ma anche presidio di solidarietà: la Fondazione Cristiano Tosi l'ha messa all'asta.

I calciatori

Walter Lopez ha fatto da apripista e altri tre compagni di squadra hanno seguito il suo esempio: i calciatori della Salernitana Di Tacchio, Capezzi e Giannetti hanno donato le proprie maglie al "Centro storico raccolta fondi". Le casacche granata saranno battute all'asta e serviranno ad acquistare cibo per le famiglie in difficoltà. Piccoli, grandi gesti per un obiettivo comune: aiutare chi soffre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salerno si stringe attorno a Carmine Novella, il Capitano ringrazia e promette: "Lotterò a testa alta"

  • Sviene quattro volte in un giorno e gira tre ospedali, poi il decesso: indagati 2 medici

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Covid-19: muore un 34enne ad Agropoli, nuovi casi a Caggiano e Pagani

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento