Castel San Giorgio, opificio in fiamme nella notte: aperta indagine

L'episodio si è registrato ieri sera, con la struttura finita in gran parte distrutta. Sia ieri sera, ma anche nelle prime ore del mattino, diverse squadre di vigili del fuoco provenienti da vari distaccamenti hanno domato le fiamme a gran fatica

L'opificio

Opificio a Castel San Giorgio distrutto dalle fiamme. L'episodio si è registrato ieri sera, con la struttura finita completamente distrutta. Sia ieri sera, ma anche nelle prime ore del mattino, diverse squadre di vigili del fuoco provenienti da diversi distaccamenti hanno domato le fiamme e spento l'incendio. A fornire supporto, anche la Protezione Civile Papa Charlie di Pagani e la Croce Azzurra di Siano.

La dinamica del rogo

Stando alle prime informazioni, le fiamme si sarebbero propagate da un focolaio che avrebbe interessato alcune sterpaglie interne ad un terreno confinante con l'area dove si trova lo scatoloficio Prisma, nella frazione di Codola. Le fiamme hanno avvolto e distrutto in breve scatolame ma anche un furgone parcheggiato nel piazzale della fabbrica. I danni sarebbero di diverse migliaia di euro, ma sono ancora in fase di quantificazione. Una prima cifra parlerebbe di almeno 3 milioni di euro di danni. A lanciare l'allarme sono stati i dipendenti della ditta, in salvo insieme ai titolari. Sull'episodio stanno indagando i carabinieri di Castel San Giorgio

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

Torna su
SalernoToday è in caricamento