"Don John non si tocca", disertate le messe: la protesta dei fedeli di Piaggine continua

I fedeli: "La Diocesi che si limita a rilasciare qualche dichiarazione a mezzo stampa farebbe bene a dare ascolto ai fedeli che si sentono completamente abbandonati"

Va avanti da ormai un mese, la protesta dei fedeli di Piaggine, che hanno costituito il Comitato Don John non si tocca, prima con il presidio nella Chiesa Madre, dopo con le preghiere nella sala polifunzionale.

La nota dei fedeli contro la Diocesi

La Diocesi dice che un parroco può gestire 4 parrocchie poiché si tratta di comunità con pochi abitanti. Non crediamo che il numero degli abitanti influisca sulla gestione poiché la durata delle messe e della liturgia è sempre la stessa.La Diocesi ci spieghi inoltre come farebbe un unico parroco a dare un senso di comunità portando avanti progetti per i bambini quale oratori o altro. Come farebbe a stare vicino agli ammalati e agli anziani che chiedono parole di conforto se il parrocco viene una sola volta a settimana per dire UNA SOLA MESSA di domenica alle 18.30.

La Diocesi che si limita a rilasciare qualche dichiarazione a mezzo stampa farebbe bene a dare ascolto ai fedeli che si sentono completamente abbandonati. Ci hanno definiti “non cristiani” solo perché chiediamo una Chiesa aperta sempre, che stia vicino ai deboli e sia per noi guida spirituale.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto in litoranea a Pontecagnano: muore 47enne

  • Dramma allo stadio Arechi, durante la partita: tifoso cade nel fossato

  • "Ecco perchè picchiavo mia moglie": il racconto-choc di un salernitano alla Rai

  • Furibonda lite in strada tra avvocatesse, a Pagani: la denuncia

  • Nuova allerta meteo in Campania: ecco le previsioni

  • Scossa di terremoto 2.7 a Romagnano al Monte: nessun danno

Torna su
SalernoToday è in caricamento