Fonderie Pisano, dati Arpac truccati: otto dipendenti a processo

A dare il via libera al rinvio a giudizio è stato il giudice per l’udienza preliminare del tribunale Renata Sessa. Gli otto imputati dovranno rispondere dei reati di abuso d’ufficio e falso ideologico

Tre dirigenti e cinque impiegati dell’Arpac (Agenzia Regionale Protezione Ambientale della Campania) saranno processati perché avrebbero alterato i dati delle ispezioni svolte nel 2013 all’interno delle Fonderie Pisano di Salerno. A dare il via libera al rinvio a giudizio è stato, ieri, il giudice per l’udienza preliminare del tribunale Renata Sessa. Gli otto imputati sono accusati abuso d’ufficio e falso ideologico.

L’inchiesta

Sotto la lente d’ingrandimento dei giudici sono finiti: il dirigente dell’unità operativa Suoli, rifiuti e siti contaminati Gianluca Scoppa; la dirigente dell’unità operativa Aria e agenti fisici Maria Rosaria Della Rocca; il dirigente responsabile dell’area territoriale Arpac dipartimento di Salerno Vittorio Di Ruocco; gli impiegati Cosimo Maiorino Balducci, Lucio Ferrara , Giancarlo Germano, Rocco Laezza e Gerardo Risolo. Ma i loro avvocati sono già a lavoro per preparare la linea difensiva. Il processo di primo grado inizierà il prossimo 1 ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Paura a Battipaglia, rapinato un supermercato: donna ferita

Torna su
SalernoToday è in caricamento