Antonio Guariglia è il nuovo presidente della Società Economica della Provincia di Salerno

Le Società Economiche furono istituite da Gioacchino Murat nei capoluoghi di provincia del Regno di Napoli (1808-1815) con lo scopo di sviluppare principalmente l’agricoltura, ma anche l’artigianato, l’industria, il commercio ed i traffici marittimi

Il professore Guariglia

Il professore Antonio Guariglia, docente universitario e gia presidente del Consiglio Comunale di Salerno, è il nuovo presidente della Società Economica della Provincia di Salerno. L'elezione è stata decretata dall'assemblea dei soci riunti per ricordare il presidente Giuseppe Murolo, recentemente deceduto, e per l'elezione del nuovo consiglio. Oltre al presidente Antonio Guariglia, sono risultati eletti: Riccardo Barela, quale segretario e Marcello Murino, Maurizio Murolo e Vittorio Salemme come componenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Società Economica

Le Società Economiche furono istituite da Gioacchino Murat nei capoluoghi di provincia del Regno di Napoli (1808-1815) con lo scopo di sviluppare principalmente l’agricoltura, ma anche l’artigianato, l’industria, il commercio ed i traffici marittimi. La Società Salernitana, detta anche del Principato Citeriore, fu creata con un Regio Decreto del 1812 ed è oggi l’unica sopravvissuta. Suo organo di divulgazione e di informazione è stato dal 1845, e lo è tuttora, la rivista Il Picentino. Con l’Unità d’Italia, le Società Economiche furono assorbite dalle Camere di Commercio (1862) e dai Comizi Agrari (1866) e, quindi, andarono gradualmente scomparendo con l’eccezione di quella di Salerno che, grazie ad illuminati imprenditori e professionisti della provincia, ha continuato la sua opera benemerita con assoluta indipendenza di pensiero e di azione. Fra i suoi meriti del passato vanno ricordati la creazione dell’Orto Agrario di Salerno, dove furono sperimentate le prime varietà di cotone, di gelso e di pomodoro,ed il decisivo impegno per la nascita della Scuola di Agricoltura di Eboli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

Torna su
SalernoToday è in caricamento