Centro Storico, al via la mappatura del rischio degli spazi pubblici

All’appuntamento il presidente dell’Ordine degli Architetti, Maria Gabriella Alfano e il consigliere comunale con delega alla Protezione civile Augusto De Pascale

Duomo

Al via, da questa mattina, al centro storico, la mappatura del rischio degli spazi pubblici ad opera di 100 architetti salernitani. All’appuntamento il presidente dell’Ordine degli Architetti, Maria Gabriella Alfano e il consigliere comunale con delega alla Protezione civile Augusto De Pascale: scopo dell'iniziativa è individuare le criticità ai fini della salvaguardia della popolazione e dei beni architettonici.

Gli architetti si sono recati  nei primi due ambiti del Centro storico individuati ai fini della sperimentazione: il primo (denominato Comparto sud) delimitato da Via Roma, Via dei Canali, Via Tasso e Via Duomo, ed il secondo (denominato Comparto nord) circoscritto da Via Tasso, Salita S. Maria Maddalena, Via Salvatore De Renzi e Via Fusandola.  Così, a distanza di oltre trenta dalla costituzione dell’ Ordine degli Architetti della Provincia di Salerno, si è giunti alla sottoscrizione di un “Protocollo di intesa” tra l’ordine ed il Comune di Salerno, finalizzato ad una seria e concreta collaborazione basata sul volontariato, che vede coinvolti gli Architetti salernitani e le Strutture tecniche comunali, nell’ambito della Protezione Civile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli Architetti salernitani, con tale esperienza, intendono  mettere a punto un ulteriore approccio metodologico finalizzato ad una corretta progettazione degli spazi pubblici nell’ottica della salvaguardia in caso di eventi calamitosi, sperimentando una nuova metodologia di analisi urbana che possa assurgere a modello da adottare, più in generale, in tutti i Centri storici, che risultano essere connotati da specifiche criticità che altre parti del tessuto urbano sicuramente non hanno. La metodologia adottata, con l’assegnazione di indici di criticità agli ambiti spaziali, fornirà, attraverso elaborazioni e rappresentazioni cartografiche, un fondamentale supporto nelle fasi decisionali, per la elaborazione, la revisione e l'aggiornamento di un Piano di Emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Mondragone tra risse e feriti: alcuni bulgari in fuga verso il salernitano

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Paziente infetta dimessa dall'ospedale: blitz dei carabinieri a Polla

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento