Mare pulito ma il bagno è vietato: scoppia il caso a Salerno

Situazione paradossale al lido dei carabinieri ed in altri stabilimenti balneari di Pastena. Stop ai tuffi per la vicinanza al porto

Due cartelli con divieto di balneazione, posizionati sul litorale della zona orientale di Salerno, stanno creando stupore ai bagnanti che frequentano gli stabilimenti delle forze dell’ordine (situati in località Torre Angellara) e alcuni lidi di Pastena.

Il caso

Il paradosso è che si tratta del tratto del litorale dove sono stati realizzati gli interventi di messa in sicurezza della costa e il ripascimento ha reso la spiaggia bianca e di almeno 40 metri più profonda. Ad interessarsi della questione – riporta La Città – è stato il consigliere comunale Donato Pessolano, al quale gli uffici competenti hanno spiegato che quei cartelli sono lì non perché il mare è inquinato ma per ragioni di sicurezza: la vicinanza al porto Marina d’Arechi impone di segnalare il transito e la pericolosità delle barche in manovra. Di qui l’equivoco: i cittadini sono motivati ad andare a fare il bagno a Pastena per la bellezza della spiaggia nuova, ma poi si ritrovano davanti al divieto di balneazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

Torna su
SalernoToday è in caricamento