Rapina alla sala slot, addetto aggredito con un cacciavite: scatta il fermo per un 29enne salernitano

Il giovane, brandendo un grosso cacciavite, aveva minacciato e aggredito l'addetto dell'esercizio commerciale, rubando l'incasso pari a 1.700 euro: il complice è in fase di identificazione

E' scattato un decreto fermo, oggi, come disposto dalla Procura, per un 29enne salernitano, con precedenti: il giovane è accusato di rapina aggravata in concorso con un complice in fase di identificazione.

Il colpo

Le indagini della squadra mobile sono iniziate dopo la rapina del 16 febbraio ai danni dalla sala slot Eurobet di via Amendola, quando un uomo, brandendo un grosso cacciavite, aveva minacciato e aggredito l'addetto dell'esercizio commerciale, rubando l'incasso pari a 1.700 euro. 

La videosorveglianza

Grazie anche ai filmati della videosorveglianza e alle testimonianze, è stato possibile identificare l'autore del colpo che si era reso irreperibile. Durante le ricerche, sono stati anche trovati e sequestrati gli abiti usati per la rapina: ora il 29enne è finito nei guai.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento