Scoperta officina a Scafati con auto rubate: 4 denunciati alla Procura

Il sito scoperto era adibito alla raccolta e allo stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi, come auto senza targhe, motori per auto parti di carrozzeria, fusti di latta destinati alla raccolta di vernice, lamiere, frigoriferi ed elettrodomestici 

Foto d'archivio

Scoperta un'officina abusiva, con dentro auto rubate. Quattro le persone denunciate dalla polizia locale a Scafati. Il sito scoperto era adibito alla raccolta e allo stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi, come auto prive di targa, motori per auto parti di carrozzeria, piccoli fusti di latta destinati alla raccolta di vernice, lamiere, frigoriferi ed elettrodomestici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I controlli

Il luogo interessato dal controllo era via Lo Porto. Sono stati trovati otto autoveicoli, tre motoveicoli, due carrelli trasporta veicoli, diverse targhe di nazionalità italiana e bulgara e certificati di circolazione falsificati. Nel corso dell'operazione sono stati identificati e denunciati alla Procura di Nocera Inferiore 4 cittadini di origine bulgara, due uomini e due donne. Si tratta di un 21enne, un 47enne, un ventenne ed un 47enne. Tutti sono accusati di ricettazione, falso e illecita attività di gestione di rifiuti speciali pericolosi. I controlli eseguiti poi in parallelo presso la banca dati in uso alle forze di polizia hanno evidenziato l'esistenza di numerosi precedenti per furto aggravato e ricettazione, falso e minaccia. Tutti i veicoli  erano oggetto di furto e alcune targhe bulgare, apposte su alcuni veicoli, erano riconducibili a veicoli diversi della stessa nazionalità. L'immobile era stato locato da uno degli indagati, un 47enne, in possesso di un regolare contratto di affitto stipulato presso l'Agenzia delle Entrate di Pagani e registrato ad uso abitativo con pertinenze per utilizzo agricolo. Tutto il materiale ritrovato è stato posto sotto sequestro. A coordinare l'indagine il comandante della polizia municipale di Scafati, Giovanni Forgione 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Torna lo spettro del Covid-19 a Salerno città, la denuncia del Comitato San Francesco e l'appello di Polichetti

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

Torna su
SalernoToday è in caricamento