Scafati, accusato di falsa presenza sul lavoro: assolto dipendente comunale

Il dipendente ha dimostrato che anche se non era in ufficio, stava lavorando per l’ente comunale, in virtù di compiti che gli spettava eseguire per la sua funzione

Era finito sotto processo Giovanni Cavallaro, bibliotecario 65enne e dipendente del Comune. Per la Procura di Nocera Inferiore aveva marcato con il proprio badge, durante l’orario di ufficio, attestando la sua presenza per poi trovarsi fisicamente altrove. Fatti registrati tra il 21 aprile e il 5 maggio 2016. Davanti al Gup è stato prosciolto però perché il fatto non sussiste. In sostanza, il dipendente ha dimostrato che anche se non era in ufficio, stava lavorando per l’ente comunale. «L’imputato - si legge nella sentenza del giudice Luigi Levita - ha provato documentalmente la sua peculiare mansione di addetto alla biblioteca che rendeva necessario uno spostamento da una sede all’altra degli uffici comunali. Spostamenti autorizzati che rendono sufficiente a destituire di fondamento l’accusa sul punto.». Le indagini a carico del dipendente comunale, in sintesi, non hanno fatto emergere elementi tali per sostenere la fase del dibattimento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

  • "E' il tuo turno? Non mi interessa: ti ricevo dopo": sgarbo e razzismo all'Asl di San Severino

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Furti, danni ed aggressioni davanti ai bimbi, nel negozio salernitano: il grido di aiuto di Ismail

  • Blitz dei Nas in un deposito a Salerno: maxi sequestro di bottiglie d'acqua

Torna su
SalernoToday è in caricamento