Opportunità per i talenti campani e investimenti nello sviluppo: presentato il piano di Softlab

In particolare, con il dipartimento di informatica dell’Università degli Studi di Salerno, in materia di cyber security, è in corso di sviluppo il progetto del corridoio biometrico: ecco di cosa si tratta

Parte da Salerno, un'opportunità di crescita nel Mezzogiorno. La Softlab, società leader in Italia in ambito informatico, finanziario e cybersecurity, nel corso dell’annuale convention aziendale, ieri sera, nella suggestiva cornice della Stazione Marittima, ha illustrato il suo piano di sviluppo. L’amministratore delegato Giovanni Casto, alla presenza di manager, collaboratori, rappresentanti del mondo imprenditoriale e della politica ha fornito il quadro aziendale e i suoi prossimi obiettivi “Abbiamo scelto Salerno e la Campania come punto di riferimento della nostra strategia di crescita per il Sud italia perché riteniamo ci siano grandi potenzialità – spiega l’ad di Softlab. - abbiamo investito e continueremo ad investire in ricerca e sviluppo in materia di privacy e sicurezza informatica e posizioneremo sempre più i nostri prodotti nei settori della logistica, aerospace, energy, insurtech e fintech. Inoltre, in un territorio come la Campania che vanta un patrimonio turistico e culturale senza eguali, vogliamo utilizzare tecnologie digitali all’avanguardia per offrire ai visitatori una nuova fruizione delle opere d’arte.” 

La startup

Giovanni Casto ha parlato anche del lancio in Campania di “Fresh Italy”, startup innovativa dei prodotti freschi che si propone come intermediario per gli operatori della GDO. “Le attività della startup, vincitrice del premio Digital Magics durante l’XI edizione del Premio Best Practices per l’Innovazione, prenderanno il via sul territorio producendo significative ricadute su tutto l’indotto e creando nuove opportunità di lavoro".

La collaborazione con l'Ateneo

Softlab ha avviato, inoltre, in questi anni, proficue collaborazioni con gli atenei campani. Tra queste si segnala la partnership con il dipartimento di informatica dell’Università degli Studi di Salerno, che, in materia di cyber security, ha portato allo sviluppo del progetto del corridoio biometrico. Si tratta di un algoritmo in grado di percepire la potenziale pericolosità di un soggetto: certamente, risulterà utile anche in luoghi sensibili, quali aeroporti e stazioni, nell'ottica delle misure anti-terrorismo. “La sinergia con gli atenei è un punto di forza della nostra azienda – incalza l’ad di Softlab – Formazione del personale e recruitment di capitale umano di primo livello rappresentano il nostro punto di forza.” 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I presenti

All’evento della Stazione Marittima hanno preso parte oltre all’amministratore delegato Giovanni Casto, anche Sargis Ghazaryan e Leonardo Iacovelli, rispettivamente presidente e vice presidente di Softlab. Sono intervenuti il vice sindaco di Salerno Eva Avossa, l’assessore regionale Sonia Palmieri e Andrea Prete, presidente di Confindustria Salerno e Camera di Commercio, nonchè Pasquale Sessa vice presidente Confindustria Salerno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Sarno si sveglia in lacrime: muore Michele, 38enne ricoverato al Ruggi

  • Suicidio a Salerno, si lancia dalla finestra e muore sull'asfalto

  • "Alimenti scaduti nel mio pacco": il direttore del Banco Alimentare risponde alla mamma di Pontecagnano

  • Coronavirus: 1° contagio a San Mango e nuovo caso a San Severino, i nomi dei pazienti

  • Coronavirus a Cava, contagiato medico di base: l'appello di Servalli ai pazienti

  • Covid-19: muore una salernitana, 341 contagi in provincia. Primario in via di miglioramento

Torna su
SalernoToday è in caricamento