homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

← Tutti gli eventi

Incontri

Francesco Aprile presenta il suo "Afrodite è morta" a Salerno

Dal 04/07/2014 al 04/07/2014

Venerdì 4 luglio presso la libreria Guida di Salerno Francesco Aprile presenta "Afrodite è morta". Oltre allo stesso autore, saranno Paola D’Angelo, docente, poetessa e redattrice di giornali on-line, in qualità di moderatrice, e Brunella Caputo, regista e attrice, che leggerà una selezione di poesie tratte dall’opera a intervenire all'incontro per la presentazione di "Afrodite è morta". Nato a Ragusa nel 1977, Aprile vive e lavora a Milano, dove da anni si dedica alla scrittura. Il fascino della sua poesia risente proprio della mescolanza di tradizioni culturali diverse: sensualità e passione che convivono con una acuta e lucida visione della realtà. Oltre alle summenzionate opere, molte liriche dell’autore sono contenute in prestigiose antologie letterarie. Alcune  sono state scelte e inserite dalla scrittrice siciliana Lara Cardella nel suo ultimo romanzo “Io non farò rumore”. Affermatosi nel panorama letterario italiano come uno dei poeti contemporanei più acuti e controversi con "Voce del verbo amare", "Un attimo di cielo", "Moto ondoso", "Scrivo sui muri",  in “Afrodite è morta” Francesco Aprile intraprende un viaggio alla ricerca della suprema bellezza dove l’uomo, prima che poeta, incontra di tutto e da tutto si lascia attraversare. Il risultato è una silloge magica e crudele, appassionata e tagliente, fatta di versi che esaltano i diversi aspetti dell'amore e della sensualità in un mondo che l'autore vede sopraffatto dalla morte dei sensi e dalla più cieca brutalità.

Mappa
Corso Giuseppe Garibaldi, 142 · Salerno Centro


Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Eventi Popolari

    • Eventi

      De Gregori e Mannoia protagonisti all'Arena del Mare di Salerno

    • Eventi

      La "Birra in B...Rocca" torna per l'edizione estiva a Salerno

    • Eventi

      L'universo Marvel in mostra a Salerno

    • Eventi

      Al via la sagra della “Collina in festa”

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento