Un pezzettino di storia nel negozio di Domenico Apicella: in vetrina spunta una poltrona degli anni '40

Si tratta di un prezioso oggetto da collezione con base e braccioli ben tenuti, declinazione funzionante e i tessuti in pelle totalmente originali

Un pezzo di storia, da oggi, nel negozio di Domenico Apicella, parrucchiere salernitano per donna con grande esperienza nel mondo dell’hair styling. In vetrina infatti fa bella mostra di sé una poltrona da barbiere risalente agli anni ’40, prodotta dalla azienda Amata di Parma, modello Roma come recita la scritta sul poggiapiedi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La curiosità

Si tratta di un prezioso oggetto da collezione con base e braccioli ben tenuti, declinazione funzionante e i tessuti in pelle totalmente originali ma soprattutto un regalo. Sì, perché questa poltrona è stata donata ad Apicella da uno storico barbiere salernitano, Raffaele Soriente, che ha imparato il mestiere facendo il garzone nelle botteghe storiche di via Mercanti. Una bella notizia per gli appassionati del vintage, per la poltrona che Domenico Apicella con orgoglio mostra ai curiosi e alle clienti nel suo negozio, in piazza Onofrio Coppola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

Torna su
SalernoToday è in caricamento