Salernitana: calciomercato ad "andamento lento". Il punto sulle trattative

La "Fiera dei sogni" è ancora avara di gioie per i supporter granata, ancora in attesa che la società batti un colpo. Tra sondaggi, pourparler e trattative più o meno avanzate sono già sfilati via giorni preziosi per poter rinforzare la rosa

In foto: Gigi Vitale (archivio Gambardella)

La finestra invernale del calciomercato inizia ad entrare finalmente nel vivo, grazie ai primi colpi capaci di infiammare i tifosi di tutte le latitudini. Già diverse infatti sono le trattative conlcluse, le competitor della Salernitana infatti pur non mobilitando chissà quali flussi di danaro fresco, stanno cercando di correre ai ripari laddove necessario o di rifinire gli organici per raggiungere gli obiettivi stagionali prefissati. Non può dirsi lo stesso, almeno per il momento, per il club granata, che sembra versare in uno stato di apparente immobilismo. Si dirà, niente di nuovo sotto al sole, la Salernitana ha (purtroppo) abituato tifosi e addetti ai lavori ad un approccio al mercato "attendista", volto ad acquisire i cartellini dei calciatori quasi esclusivamente quando "vanno in sconto" durante le battute finali del mercato. La priorità sono - neanche a dirlo - le cessioni, ma anche su questo versante le trattative stanno vivendo una fase di impasse, e fin quando la situazione non si sbloccherà difficilmente Gregucci potrà lavorare con i rinforzi richiesti. Un vero peccato - per usare un eufemismo - il dover sprecare (per l'ennesima volta) la lunga sosta messa a disposizione dal calendario, lasso di tempo prezioso durante il quale il trainer pugliese avrebbe potuto lavorare con i nuovi innesti in vista del match con la capolista Palermo; ad oggi invece Gregucci rischia di presentarsi in Sicilia, complice la concomitanza di infortuni e squalifiche, con la linea mediana ridotta all'osso. Ma tant'è, la minestra è questa, sempre la stessa da 4 anni. 

Tra sondaggi, pourparler e trattative sviluppate sottotraccia più o meno avanzate, i calciatori in aria di cessione sono sempre gli stessi: Moses Odjer che fino a inizio settimana sembrava promesso sposo della Virtus Entella, pare sia adesso intenzionato ad accettare le lusinghe del Rieti allenato dal salernitano Eziolino Capuano; Lamin Jallow invece, che pure sembrava in predicato di lasciare questi lidi (con Pescara in pole), sembra adesso determinato a rimanere a Salerno per riscattare il suo mediocre inizio di stagione; anche Bellomo e Palumbo sono sul punto di partire, ma con ogni probabilità saranno "merce di scambio" per alcune trattative 'minori'. In stand by invece la "liaison" tra Hellas Verona e Casasola: il club scaligero non sembra disposto a versare i 2 milioni cash richiesti dalla Salernitana, perché ha da piazzare diversi esuberi, tra questi il centravanti ex Benevento Karamoko Cissé che quest'anno ha trovato pochissimo spazio agli ordini di Fabio Grosso; Fabiani per ora nicchia in attesa di sviluppi. Capitolo Vitale: l'ex Ternana pur forte di un rinnovo contrattuale con Salernitana solo da formalizzare è in una posizione di limbo perché blandidto dalle sirene della Juve Stabia in serie C. Il terzino partenopeo dovrebbe alla fina rimanere, ma se le "vespe" dovessero formalizzare una proposta irrinunciabile, Vitale potrebbe accettare. Qualora tale ipotesi dovesse concretizzarsi, urgerebbe poi l'acquisizione non di uno ma di due esterni mancini. E da qui passiamo al capitolo acquisti. Rumors di mercato segnalano la Salernitana vicino all'esterno offensivo Stoian, di stanza da diversi anni a Crotone, e protagonista alcuni anni fa della promozione in massima serie del club pitagorico. L'esperienza in Calabria dell'esterno destro offensivo di origini rumene sembra però essere ai titoli di coda, la Salernitana ha subodorato l'affare, iniziando così una corte serrata all'entourage del calciatore consapevole di poter concludere una buona operazione a costi 'irrisori'. Sull'out mancino invece, come riportatato stamane dal quotidiano "Il Mattino", il Dg Fabiani pare sia sulle tracce del giovane gambiano Kalifa Manneh (classe '98), quest'anno letteralmente esploso alle pendici dell'Etna (3 gol e 4 assist in questa stagione); inoltre, sembra esser ancora calda anche la pista che porta al franco-senegalese Dramé, svincolatosi la scorsa estate dalla Spal: grazie ai lunghi trascorsi tra le fila dell'Atalanta, il calciatore natio di Villepinte potrebbe essere quell'elemento in grado di portare quella personalità ed esperienza che Vitale ha fatto vedere solo a tratti; l'operazione è però congelata in attesa di come si evolverà il destino dell'ex capitano della Ternana. Per quel che concerne l'attacco, la Salerrnitana per ora nicchia, in attesa di sferrare - eventualmente sia chiaro - il colpo nelle ultime battute del calciomercato, fedele sempre alla propria strategia aziendale volta al risparmio. I soliti nomi di Calaiò e Mazzeo sono già venuti fuori in tempi non sospetti, ma trattasi quasi sempre di semplici sondaggi.

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • Metrò del mare in Cilento: tutti gli orari

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli, dall’abito agli accessori

  • Mare sporco e cattivi odori: l'acqua sporca rovina la domenica ai salernitani

I più letti della settimana

  • Muore a 8 mesi nell'ospedale di Nocera, la famiglia già attenzionata: fissata l'autopsia

  • Incidente tra Salerno e Baronissi, scontro tra auto e moto: muore noto anestesista

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • Traffico di droga tra Piana del Sele e Calabria:15 arresti, sequestrati 12mila euro e due pistole

  • Treno non si ferma in stazione, i pendolari lo inseguono e il macchinista torna indietro

  • Choc a Sanza, mucche e vitelli trovati morti insanguinati in una strada

Torna su
SalernoToday è in caricamento