Armi in garage ma nessuna rapina: la sentenza sulla banda di Pagani

Sono pubbliche le motivazioni del tribunale di Nocera Inferiore per le condanne ad una banda di paganesi, colpevoli di aver posseduto armi da guerra

Foto d'archivio

«Sono documentati contatti osservati, fotografati e intercettati per procurarsi armi. Ma quelle sequestrate non possono stimarsi quali strumenti per commettere fatti delittuosi imminenti o specifici. Il gruppo si incontrò nel luogo del sequestro. Le armi e i reperti furono toccati, usati e indossati da ciascuno degli imputati». E’ con queste motivazioni - depositate dal tribunale - che i giudici del collegio del presidente Domenico Diograzia avevano condannato alla fine del 2017, con l’accusa di detenzione di armi, cinque persone di Pagani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non c'è il vincolo camorristico"

Escludendo l’associazione camorristica e il fatto che quelle armi fossero state utilizzate per commettere rapine. Il blitz con tanto di arresto dei Ros scattò a gennaio 2012, con la scoperta in un garage di un arsenale di armi d’assalto nel parco Sonia, a Pagani. A finire sotto sequestro anche maschere, sottocaschi, targhe clonate, passamontagna, auto rubate, oltre che munizioni. Elementi che insieme ai rilievi del Ris concretizzarono poi, in dibattimento, almeno una delle accuse. Non ha retto invece l’accusa di associazione di stampo mafioso, come sostenuto dalla Dda: «Non ci sono elementi che dimostrino la sussistenza di un gruppo camorristico, e lo scenario esula da un contesto camorristico. Gli imputati non erano un gruppo “costola” rispetto ad una organizzazione madre. Emerge al più la dedizione di personaggi ad uno specifico settore di interesse criminale per fini di lucro». L’inchiesta era partita dopo un colpo nel 2011 alla galleria Seminario a Pontecagnano. Rapina che, insieme ad altre, restò senza responsabili. Le dichiarazioni di alcune persone sentite dai Ros avevano poi portato all’individuazione del gruppo paganese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Mondragone tra risse e feriti: alcuni bulgari in fuga verso il salernitano

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Paziente infetta dimessa dall'ospedale: blitz dei carabinieri a Polla

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento