Petizioni Movimento 5 Stelle, Cioffi: "Raccolte le prime 150 firme"

Referendum comunali e riprese delle sedute dell'assise cittadina: queste le richieste avanzate da M5S nelle due petizioni. Cioffi: "Sabato scorso raccolte 150 firme"

Trasparenza e partecipazione: questi i "leitmotiv" della raccolta firme avviata sabato scorso dal gruppo salernitano di Movimento 5 Stelle, guidato da Andrea Cioffi. I "grillini" hanno raccolto 150 firme nella mattinata di sabato con lo stand allestito all'incrocio tra via Luigi Guercio e via Silvio Baratta. Due petizioni per chiedere i referendum comunali da una parte e le riprese delle sedute del consiglio comunale dall'altra.

"Siamo soddisfatti, abbiamo raccolto le prime 150 firme - spiega Andrea Cioffi di Movimento 5 Stelle - considerate le condizioni meteo che si sono verificate è un ottimo risultato". Cioffi esprime soddisfazione anche per il numero di attivisti: "Quindici attivisti, tra cui molti volti nuovi si sono alternati allo stand e abbiamo notato la voglia di partecipare della cittadinanza. Ovviamente - aggiunge Cioffi - raccogliamo le firme con il documento di identità e solo di residenti a Salerno, in quanto le petizioni sono rivolte all'amministrazione comunale di Salerno".

La raccolta firme per le due petizioni va avanti: "Sabato 25 febbraio saremo in piazza Caduti di Brescia dalle 10 alle 20, il nostro obiettivo - conclude Cioffi - è raccogliere 1000 firme per petizione: basandoci sullo statuto del comune di Napoli ne dovrebbero essere sufficienti 500".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi concorso Regione Campania: ecco gli idonei alla prima fase

  • Angri, investito da un treno mentre raggiunge il binario: grave studente

  • Incidente in litoranea ad Eboli, auto investe una donna: è morta

  • Travolta da un bus mentre attraversa la strada a Milano: grave maestra salernitana

  • Dramma alla Cittadella: medico stroncato da un infarto, inutili i soccorsi

  • Maltempo a Salerno, cade un grosso albero: disagi a Casa Manzo

Torna su
SalernoToday è in caricamento