rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

Elezioni Europee 2014/Intervista a Marzia Ferraioli candidata di Forza Italia

Tra gli otto candidati salernitani alle elezioni europee del prossimo 25 maggio nella circoscrizione Sud Italia, nella lista di Forza Italia, guidata dal giovane ex governatore della Puglia Raffaele Fitto, troviamo la professoressa Marzia Ferraioli

Tra gli otto candidati salernitani alle elezioni europee del prossimo 25 maggio nella circoscrizione Sud Italia, nella lista di Forza Italia, guidata dal giovane ex governatore della Puglia Raffaele Fitto, troviamo la professoressa Marzia Ferraioli, originaria di Pagani ma residente a Vietri sul Mare, che insegna diritto di procedura penale presso l’università Tor Vergata di Roma ed è molto vicina alla coordinatrice salernitana degli azzurri Mara Carfagna.

Professoressa Ferraioli, cosa l’ha spinta a scendere in campo per le elezioni europee?

«Ho accolto l'invito dell'onorevole Mara Carfagna con un po' di preoccupazione ma anche con grande entusiasmo. Lo stesso entusiasmo che mi ha fatto guardare all'Europa quando ho deciso, molti anni fa, di attivarmi affinché anche la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Salerno fosse protagonista, non diversamente da tante altre Facoltà, della formidabile esperienza didattica e di ricerca che connota il Progetto Erasmus. Quando ci si confronta quotidianamente con i giovani si resta contagiati da una voglia di fare, non sempre governabile. Sto vivendo l'impegno elettorale di candidata al Parlamento Europeo con la stessa intensità di allora, convinta, questa volta, della necessità di una omologa unità di intenti in settori diversi dall'interscambio culturale. Il mio impegno prosegue, oggi, per l'affermazione in Europa del patrimonio umano e territoriale del nostro Sud Italia»

Perché ha scelto Forza Italia?

«Perché è il partito in cui mi riconosco sin dal 1994. La mia candidatura tra le fila di Forza Italia rispecchia il mio percorso di coerenza politica e la mia stima per il presidente Silvio Berlusconi»

Di solito si dice che i professori siano sempre di sinistra. Lei è un’eccezione?

«Si dice male: ne conosco tantissimi anche di destra. In ogni caso, la libertà di espressione politica è la espressione prima del sistema  democratico e non va posta in discussione. Quel che conta è il fine: che non è, di certo, la contrapposizione " per partito preso", che induce a trascurare aspetti coessenziali alla  vita democratica e ad ignorare necessità e speranze del Paese. La politica è servizio, impegno e responsabilità e va ben oltre il potere del singolo".

Su quali argomenti concentra la sua campagna elettorale?

«Duranti i miei incontri con le realtà del territorio campano e di altri territori  del sud Italia , sottolineo il valore aggiunto di specializzazioni post lauream  nel settore delle complicate procedure di accesso ai  fondi europei; l'esigenza di regole che riconducano a parametri di soddisfacente  prossimità i salari dei lavoratori dei Paesi della Unione ( a mio a parere, utile, se non ad impedire, certamente a ridimensionare il preoccupante fenomeno della dislocazione di imprese italiane in altro Paese membro, dovuta anche al minor costo del lavoro). Provo, di solito, altresì a chiarire il significato dei molti slogan di questa campagna elettorale, il cui contenuto è ancora oscuro a tanti.

Girerà tutte le sei regioni della circoscrizione Sud?

«Lo stiamo già facendo. Siamo già stati in Puglia alla convention elettorale del capolista Raffaele Fitto. Andremo in Abruzzo e n Basilicata .Il territorio Campano da Caserta a Benevento, da Napoli al profondo sud della provincia di Salerno è stato in buona parte già visitato, secondo le priorità indicate dall'on. Mara Carfagna previo confronto  con  coordinatori ed attivisti del Partito »

Punterà anche sui social network?

«Internet è il presente e il futuro della comunicazione. È un mezzo immediato, veloce e senza filtri. La mia campagna elettorale ruota intorno ai social media: da Twitter a Facebook al mio sito internet (www.marziaferraioli.com). Rispondo personalmente alle decine di messaggi che tanti amici mi scrivono e comunico continuamente tutti i miei spostamenti, e sono orgogliosa di mostrare attraverso gli scatti fotografici quando prezioso sia il  patrimonio territoriale e culturale del nostro Sud . »

Come si combatte, secondo lei, l’antipolitica?

«Recuperando, senza inutili slogan e con azioni concrete, quella credibilità che una certa politica ha follemente gettato al vento ed ostacolando quell'altra politica che, non meno follemente, opera solo in vista dell'ampliamento di un dissenso che sta dilaniando la compagine (anche sociale ) del Paese.

Ultima domanda. Perché un cittadino del Sud dovrebbe votare per lei?

«Perché quando decido di impegnarmi in un progetto lo porto avanti fino in fondo. Questa è una prerogativa del mio modo di essere. Perché vivo con convinzione ed intensità tutti i miei impegni. Perché desidero un'Europa in cui si parli di più l'Italiano, perché il Sud ha ancora molto da dire, da offrire e da prendere dall'Europa, perché sarò il legame territoriale tra l'Europa ed il Sud».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Europee 2014/Intervista a Marzia Ferraioli candidata di Forza Italia

SalernoToday è in caricamento