menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Metro, De Luca attacca: "Servono i soldi". Vetrella: "Sei tu al Governo"

Nuovo scontro tra il sindaco viceministro e l'assessore regionale ai trasporti sui fondi da destinare alla metropolitana di Salerno. Interviene anche la Fil Cgil

E’ ormai scontro aperto tra Vincenzo De Luca e la Regione Campania sui fondi da destinare alla metropolitana di Salerno. Questa mattina, a margine di un incontro pubblico, il sindaco viceministro di Salerno è tornato a prendere di mira l’amministrazione regionale: "Dobbiamo trovare i soldi. Abbiamo l’assoluta assenza delle Regione di fronte a questo problema, non dobbiamo spendere più parole e perdere tempo perché abbiamo capito tutti qual è la ragione”.

Poi ha annunciato: "Presenteremo nelle prossime settimane un emendamento ai prossimi decreti che vanno in approvazione per utilizzare fondi nazionali per consentire la messa in esercizio anche nei prossimi anni della nostra metropolitana. Stiamo lavorando per la funzionalità dell’opera al di là di tutte le resistenze”. Infine De Luca ha lanciato un nuovo attacco a Palazzo Santa Lucia: "La competenza per il trasporto pubblico è regionale. E quindi l’accordo e il contratto di servizi devono essere fatti tra le Ferrovie dello Stato e la Regione. La cosa assurda è che la regione riceve dallo Stato 500 milioni di euro per il traporto pubblico: è possibile che in questi fondi non c’è la capienza per reperire i 3 milioni di euro per la messa in esercizio di questa rete? E’ evidente che ci sono altre ragioni”.

Immediata la replica dell’assessore campano ai Trasporti Sergio Vetrella: “Ormai De Luca dice sempre le stese cose, sbagliate, ed allora bisogna rispondergli con lo stesse argomentazioni. La ferrovia di Salerno non è una metropolitana, la Regione non è il nemico. "Continua l'effetto seppia. Come la seppia che butta fuori il nero inchiostro per confondere eventuali attacchi, prevenendoli, così operano in politica, purtroppo, alcuni personaggi. Chiunque può, e lo ripeto ancora, sul mio sito leggere l’accordo sottoscritto, alla presenza del viceministro De Luca, in data 6 giugno 2013, che impegna il Ministero a trovare i fondi necessari all’esercizio della ferrovia di Salerno”.

“Mentre nella mia funzione di assessore regionale e coordinatore della Commissione Infrastrutture della Conferenza delle Regioni – continua l’esponente della Giunta Caldoro - mi affanno a chiedere al Governo di aumentare le risorse per il trasporto a livello nazionale e ovviamente della Regione Campania altri, nonostante il proprio ruolo, senza portare risorse aggiuntive, propongono di sottrarre 3 milioni dai 500 milioni già di per se insufficienti”  Di qui la stoccata finale: “Il vice-ministro abbandoni allora il populismo. I nemici di Salerno, anche qui mi ripeto, sono nelle pratiche fatte male, nelle procedure condotte con superficialità, negli improduttivi doppi incarichi” conclude Vetrella.

A sostenere De Luca ci pensano i segreatari della Filt Cgil: “Analizzando i dati relativi ai flussi di viaggiatori finora registrati sulla Metropolitana leggera di Salerno, si evince con chiarezza l’utilità del servizio ed il gradimento da parte dei cittadini-utenti” scrivono Mario Salerno e Amedeo D’Alessio in una nota inviata al governatore Stefano Caldoro, al sindaco di Salerno e al Ministro dei Trasporti e alle infrastrutture Maurizio Lupi.

“Risulta, pertanto, indispensabile reperire le risorse finanziarie per la copertura dell’esercizio, i cui costi non possono essere sostenuti soltanto dal Comune di Salerno. In tale senso - continua la nota - occorre uno sforzo determinante da parte del Ministero dei Trasporti, diversamente, non ci si può esimere dal chiedere alla Regione Campania di assicurare la continuazione del servizio attraverso un intervento economico aggiuntivo rispetto alle già insufficienti risorse che attualmente sono destinate al trasporto pubblico locale regionale. Successivamente, sarà fondamentale completare l’opera collegandola all’Università di Salerno ed all’Aeroporto Costa D’Amalfi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento