rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Politica

Peduto: "Il Comune inserisca nei bandi una clausola sociale"

Il portavoce salernitano di Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale, chiede che il Comune di Salerno, inserisca, nei bandi di propria competenza, una clausola sociale per l'inserimento lavorativo di salernitani con particolari difficoltà occupazionali

Rosario Peduto, portavoce salernitano di Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale, chiede che l'Amministrazione comunale di Salerno predisponga una delibera di Giunta che inserisca, come sollecitato anche dalla Cisl, una clausola sociale di promozione dell'occupazione delle persone con particolari difficoltà di inserimento lavorativo residenti nel comune di Salerno, nella redazione dei bandi di gara per l'appalto di lavori e servizi.

"Stante la drammatica crisi occupazionale che divora da mesi anche il tessuto sociale della nostra città - esordisce Peduto - come FdI An invitiamo l’amministrazione comunale a deliberare da subito per rendere obbligatoria, nella redazione dei bandi di gara di propria competenza, la presenza di una clausola sociale con cui impegnare prioritariamente i concorrenti ai bandi medesimi a reperire manodopera e maestranze locali con prioritario riferimento a soggetti disoccupati o in cerca di prima occupazione che versano in particolari situazioni di disagio economico e sociale, sulla base di elenchi, resi disponibil dai servizi sociali del Comune e dal Centro per l’Impiego, in misura pari ad almeno il 50% dei lavoratori da impiegare nel lavoro o servizio appaltato. Questa - continua Peduto - potrebbe essere una risposta seria e concreta ad un dramma, quello della tremeda crisi occupazionale, che sta letteralmente frantumando la serenità e la dignità di tanti salernitani ed in particolare di tanti giovani: una città che spesso si gloria di essere un perenne cantiere non può non fare degli stessi una fucina di speranza nella ricerca di un lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peduto: "Il Comune inserisca nei bandi una clausola sociale"

SalernoToday è in caricamento