menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caos Sanità, inizia il blocco delle prestazioni. I pensionati Cisl: "De Luca ci aiuti"

Il segretario Dell'Isola: "Grazie ai recenti provvedimenti del Governo Renzi bisognerà prima ammalarsi e poi fare gli accertamenti"

"A tutto questo marasma nella sanità si aggiungono i recenti procedimenti del Governo Renzi, che limiteranno fortemente le prestazioni sanitarie. Per cui bisogna prima ammalarsi e poi fare gli accertamenti. Viene meno dunque il concetto del “prevenire meglio del curare”, penalizzando ancora una volta le fasce più deboli della popolazione e soprattutto gli anziani che hanno maggiormente bisogno di accertamenti per curare le loro patologie. Si continua per l’ennesima volta in quel processo di rottamazione degli anziani che sembra la costante delle scelte di questo governo. Quando bisogna tagliare i pensionati e gli anziani sono la categoria prescelta per fare cassa e imporre sacrifici e privazioni”. E' un vulcano in eruzione Giovanni Dell’Isola, segretario generale della Cisl Pensionati di Salerno che lancia un nuovo appello sulla questione dell’assistenza presso i centri convenzionati con l’azienda sanitaria locale, che dal nuovo governo regionale sembrava essere scongiurato ma che, puntuale, è ritornata a essere una mannaia soprattutto per gli anziani.

“Da oggi - aggiunge - si fermerà tutto il comparto sanitario e non abbiamo ricevuto ancora risposte dalla politica". Di qui l'appello a Vincenzo De Luca: "Il presidente della Regione scenda in campo per evitare la paralisi che costringerà i pensionati a decidere se mangiare e curarsi. Pensavamo che il periodo più difficile per la sanità nella nostra Campania fosse ormai alle spalle e invece, anche quest’anno come in passato, si sono esauriti i fondi per l’assistenza specialistica ambulatoriale presso le strutture sanitarie private convenzionate. Cambiano le amministrazioni dell'ente di Palazzo Santa Lucia, ma la storia resta sempre la stessa”. Dalla prima domenica di ottobre, infatti, è stata disposta la sospensione i servizi a più ampia fruizione come radiografie, ecografie, ecodoppler, tac e le classiche analisi di laboratorio. 

“In questo modo - ribadisce Dell’Isola - si continua a trascurare il reale fabbisogno di prestazioni sanitarie da parte dell’utenza e soprattutto delle fasce più deboli, come i malati cronici, i pensionati e i non autosufficienti. Adesso gli anziani dovranno decidere se fare la spesa o curarsi. Anche quest’anno purtroppo le risorse previste si sono rivelate notevolmente inferiori rispetto all’effettivo fabbisogno necessario a garantire i livelli essenziali dell’assistenza sanitaria in Campania. E a farne le spese saranno soprattutto i più deboli e soprattutto gli anziani e i non autosufficienti, che da tempo sono protagonisti di un vero e proprio processo di rottamazione. Per questo ci appelliamo al nuovo governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, perché intervenga a scongiurare una simile evenienza, come da impegni in campagna elettorale". 
 
Lo scorso anno, i pensionati della Cisl, insieme a quelli di Cgil e Uil, hanno discusso della questione a Roma in occasione della mobilitazione nazionale ‘#Nonstiamosereni’ tenutasi il 5 novembre. “In quell’occasione chiedemmo al Governo più sviluppo e occupazione per i giovani, figli e nipoti, per un welfare pubblico e solidale, per una legge sulla non autosufficienza, per tutelare il reddito da pensione ed estendere, anche ai pensionati, la riduzione delle tasse. Anche il gruppo della provincia di Salerno, con una folta delegazione, parteciparono alla giornata di protesta. Promesse che però, nonostante i proclami degli ultimi mesi  non si sono minimamente concretizzati. Rischiamo, come sempre, la rottamazione" conclude Dell'Isola.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento