Cronaca

Covid-19: De Luca sulla "vergognosa distribuzione" dei vaccini, poi illustra il piano per il turismo e la movida

"Nessuna Regione ha fatto uno sforzo neanche lontanamente paragonabile a quello della Campania di sei mese fa: non solo rigore, ma anche attenzione": ha detto De Luca

Ha iniziato la consueta diretta Facebook del venerdì, puntando il dito contro le 211mila dosi di vaccino mancanti per la Campania, il Governatore Vincenzo De Luca. "Abbiamo ricevuto solo il 25% di vaccini rispetto alla popolazione: siamo gli ultimi anche per la distribuzione di Pfizer e Moderna, di cui riceviamo rispettivamente il 16% e l'1,3% - incalza De Luca-  E' questa una vergogna nazionale ed è scandaloso. Al limite della delinquenza politica, non so come altro denunciare.  Il motivo della polemica degli ultimi giorni è questo mercato nero dei vaccini".

I dati

Il Governatore ha poi sottolineato che ci troviamo oggi in una fase diversa, "perchè oggi abbiamo i vaccini e perchè i settori economici sono stremati più di un anno fa". Fra oggi e domani, la Campania vaccina al 100% gli ultraottantenni e nelle prossime 2 settimane completerà le somministrazioni per i non deambulanti. "Tra oggi e domani per i cittadini di 70/79 anni siamo al 60% - ha aggiunto De Luca - Chiedo al Governo e alle forze politiche di spiegarci le incoerenze su questa linea. Quando abbiamo vaccinato il personale scolastico, lo abbiamo fatto per la riapertura delle scuole, se adesso andiamo in zona arancione significa che da lunedì anche le superiori vanno a scuola per il 50%, ma come facciamo a non garantire la sicurezza nel trasporto pubblico? Non ritenete che sia una priorità immunizzare gli autisti dei trasporti pubblici? Una decisione politica è necessaria: questo si traduce in una linea di rigore e buon senso, senza essere ottusi e senza una impostazione burocratica".

Circa il comparto turistico e alberghiero, De Luca ha ribadito: "Noi rischiamo di far saltare la stagione 2021 facendo favori ad altri Paesi, gettando nella disperazione centinaia di lavoratori del comparto turistico. Quindi, fermo restando le categorie di età, dobbiamo fare uno sforzo per anticipare i tempi per la messa in sicurezza del comparto turistico in tema di vaccinazioni". Sulla movida "di cui nessuno ne parla", l'idea del Governatore è di consentire l'apertura serale in condizioni protette nei ristoranti, ma le attività devono concludersi per le 23 o 23.30. "Dopo nessuno deve essere per strada, almeno per altri due mesi. Ma è in grado lo Stato di garantire un'esperienza del genere? Io credo che lo Stato non sia in grado di garantire niente. Abbiamo avuto negli ultimi mesi un Paese abbandonato a se stesso per ragioni politiche", ha evidenziato.

Infine, in Campania stanno per essere distribuite altre 240mila tessere di avvenuta vaccinazione nell'ottica del riavvio delle attività culturali, sociali e non solo. E poi De Luca ha ricordato la necessità di immunizzare le isole, per salvare il turismo e l'importanza, sul fronte sanitario, di non aver chiuso i reparti nonostante la carenza di vaccini e personale negli ospedali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid-19: De Luca sulla "vergognosa distribuzione" dei vaccini, poi illustra il piano per il turismo e la movida

SalernoToday è in caricamento