menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti di rame sulla tratta Napoli - Salerno: treni in ritardo e passeggeri infuriati

Ferrovie dello Stato rassicura: "È opportuno ricordare che la sottrazione dei cavi in rame non comporta alcun problema di sicurezza alla circolazione ferroviaria e all’incolumità dei passeggeri"

Nuovi furti di rame sulle linea di alta velocità Napoli-Roma e Napoli – Salerno, che hanno causato tra ieri pomeriggio e stamattina una serie di ritardi alla circolazione su ferro.In particolare sulla linea a monte del Vesuvio, per il collegamento veloce Napoli – Salerno, il furto dei cavi ha avuto conseguenze più pesanti per i treni del mattino, con ritardi compresi tra 40 e 60 minuti. Dopo gli interventi delle squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana, il traffico ferroviario è tornato alla normalità su entrambe le linee.

"È opportuno ricordare che la sottrazione dei cavi in rame non comporta alcun problema di sicurezza alla circolazione ferroviaria e all’incolumità dei passeggeri” fanno sapere dalle Ferrovie dello Stato. “L’asportazione di materiale realizzato con il metallo, infatti, provoca l’attivazione istantanea dei sistemi di sicurezza che governano le tecnologie per la gestione della circolazione ferroviaria, e l’adozione di specifici protocolli che consentono ai treni di continuare a viaggiare, sebbene rallentati, con ritardi più o meno contenuti a seconda dei casi”.

Una serie di ritardi che ha infastidito e non poco i passeggeri che sono stati costretti ad attendere diverso tempo per poter raggiungere la loro destinazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Punta Campanella: avvistato un esemplare di balena grigia

  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento