Uccise 50 mucche nel salernitano, l'Enpa: "Vogliamo vederci chiaro"

L'Enpa: "La mattanza, avvenuta nell'ambito di una non meglio precisata operazione di polizia sanitaria, è stata condotta con l'impiego di cecchini"

Foto archivio

"Una cinquantina di bovini, appartenenti a una mandria non controllata, sono stati uccisi a fucilate nel Salernitano. La mattanza, avvenuta nell'ambito di una non meglio precisata operazione di polizia sanitaria, condotta con l'impiego di cecchini": è quanto scrive l'Enpa che, da fonti di stampa locale, ha appreso come "i cadaveri degli animali sarebbero stati lasciati sul posto per diverso tempo, e non smaltiti secondo le vigenti normative". L'associazione ha attivato il proprio ufficio legale per fare luce sulla vicenda.

 

La nota dell'Enpa

"Il primo passo è quello di promuovere un accesso agli atti per ricostruire il processo decisionale e la catena di comando che ha portato al massacro degli animali. Massacro motivato con l'esigenza di prevenire una presunta epidemia di brucellosi e tubercolosi. Al contempo, informando Procura e Corte dei Conti, abbiamo diffidato le autorità dal compiere ulteriori uccisioni. Facciamo estrema fatica a credere che non vi fossero alternative al tiro al bersaglio.

Prendiamo atto che i bovini erano tenuti in una situazione di dubbia legalità, senza alcun controllo sanitario, tuttavia vogliamo sapere su quali basi è stato disposto un inaccettabile massacro. Sono state condotte analisi veterinarie per accertare lo stato di salute degli animali? Sono stati presi in considerazione interventi alternativi alle fucilate? Perché i corpi non sono stati smaltiti immediatamente e, invece, sono stati lasciati sul posto, creando, in questo caso sì, i presupposti per un pericolo sanitario. Ma,  soprattutto, come mai si è arrivati al punto di avere ben 50 bovini fuori controllo?"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le prossime azioni

Insomma, l'Enpa intende chiarire se siano stati commessi degli errori o se siano state violate delle norme. "Se così fosse siamo pronti a denunciare gli eventuali responsabili alla magistratura. E comunque ciò che è accaduto nel Salernitano è un motivo in più per smettere di mangiare carne", hanno concluso gli animalisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Richiamato per la mascherina abbassata, reagisce male: uomo bloccato a Salerno

  • Giù dal quinto piano di casa, dramma a Nocera: muore ragazzo di 16 anni

  • Pastena, palpeggiata nelle parti intime mentre torna a casa: indagini in corso

  • Fiume Sele: dopo il lockdown, un'esplosione di colori e biodiversità

  • Covid-19: oggi solo lo 0,09% dei tamponi positivi, 2 nuovi contagi all'ospedale di Eboli

  • Rissa in pieno centro a Pontecagnano: un giovane in ospedale

Torna su
SalernoToday è in caricamento