Pagani, rapinarono grossista del mercato ortofrutticolo: in 3 vengono condannati

Il colpo risale allo scorso 15 ottobre, quando la vittima fu seguita e pedinata in via Corso Ettore Padovano

Rapinarono un commerciante del mercato ortofrutticolo, in tre vengono condannati. Il colpo risale allo scorso 15 ottobre, quando la vittima fu seguita e pedinata in via Corso Ettore Padovano. Ad entrare in azione erano stati in due, lungo la svolta di via Trotta, a lato della villa comunale. Prima di depositare l’incasso del weekend precedente, il commerciante, intorno alle 12, era stato bloccato e obbligato a consegnare 15mila euro in contanti con una pistola puntata al volto. Le condanne: per A.P. 7 anni e 6 mesi; C.I. 7 anni di reclusione e per S.A. , il tribunale ha emesso sentenza di 7 anni e 4 mesi. Una quarta persona, A.F. , è stata invece assolta dalla prima rapina e condannato ad 1 anno e 10 mesi per una seconda rapina, solo tentata, da lui stesso, in un bar di Pagani nello stesso giorno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il colpo
 

Grazie alle immagini video, incrociate con testimonianze e riconoscimenti effettuati dai carabinieri, insieme alla denuncia della vittima, la procura aveva individuato e arrestato i quattro sospettati. I primi due sarebbero piombati in strada in sella ad uno scooter T-max, con un terzo nel ruolo di palo, per seguire gli spostamenti del titolare di uno stand presso il mercato ortofrutticolo Nocera-Pagani. L’inchiesta aveva condotto anche al sequestro di una mazzetta di soldi avvolta in un elastico, un portadocumenti con intestazione del mercato ortofrutticolo, un telecomando per azionare lo scooter e alcune somme di denaro in tagli precisi non giustificabili, legati da una fascetta. Poi ci fu il riconoscimento dei tratti somatici fatta dalla vittima verso chi materialmente gli puntò al volto una pistola, incrociato nella caserma dei carabinieri, poche ore dopo la denuncia, insieme a quanto registrato poi in videosorveglianza. L'uomo avrebbe riconosciuto la voce che, quel giorno, lo aveva obbligato con la forza a consegnare i soldi. Infine, furono incrociati i contatti telefonici continui tra gli indagati nei momenti prima e dopo il colpo, con incontri precedenti e successivi in altre zone della città. Le motivazioni dei giudici saranno depositate entro quindici giorni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Sorpresa nel Cilento, avvistato lo yacht "T.M Blue One” di Valentino

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Covid-19: in aumento i positivi in Campania, 23 nuovi contagi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

  • Covid-19, salgono i contagi in Campania: 14 nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento