menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Retata dei carabinieri: sgominata la banda delle rapine agli uffici postali

Nelle abitazioni di tre indagati, sono state scoperte quattro piante di "cannabis indica" e materiale per il taglio e il confezionamento in dosi dello stupefacente e 2.500 euro in contanti

Sgominata la banda delle rapine agli uffici postali. All’alba, infatti, è partita una importante operazione dei carabinieri del comando provinciale che stanno eseguendo un provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro rapinatori di professione, ritenuti responsabili di diverse rapine ai danni di uffici postali di Salerno. Inoltre i militari dell’Arma hanno svolto sei perquisizioni a carico di altrettanti indagati. L’operazione è a cura del nucleo investigativo del reparto operativo del capoluogo, coordinata dal tenente colonnello Giulio Pini e diretta dal Maggiore Alessandro de Vico.

Le indagini - Tutto è partito a seguito a due rapine nel luglio e nell'ottobre 2013: l'analisi investigativa permise di individuare la gang dedita in particolare a colpire gli uffici postali del capoluogo salernitano. I gravi indizi di colpevolezza riguardano non solo le due rapine consumatesi il 2 luglio 2013 e 3 ottobre 2013 nell'ufficio postale di "Giovi" (per un bottino complessivo di 120.000 euro circa), ma anche la pianificazione e l'esecuzione della tentata rapina progettata al centro scommesse "Time City" di Pontecagnano Faiano sventata il 14 febbraio 2014 e di altri colpi ad esercizi commerciali salernitani. Gli elementi autonomamente acquisiti dai Carabinieri sono stati confermati dalle dichiarazioni fornite da un appartenente alle Poste Italiane, co-indagato con gli altri soggetti destinatari della misura, dal momento che svolgeva il ruolo di "basista" e "informatore".

Le perquisizioni - Nelle abitazioni di tre indagati, sono state scoperte quattro piante di "cannabis indica" e materiale per il taglio e il confezionamento in dosi dello stupefacente, 2.500 euro in contanti, in banconote di vario taglio, di cui una da 50 euro contraffatta: tutto materiale da usare per le rapine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento